Film in concorso | Human rigths

16-years-till-summer

16 YEARS TILL SUMMER
Regia | Director Lou McLoughlan
Fotografia | Photography Lou McLoughlan
Montaggio | Editing Lou McLoughlan, Calle Overweg
Produzione | Production LouMclou Films ltd.
Scozia, Regno Unito, 2015, 82’ inglese con sottotitoli in inglese e italiano | English with English and Italian subtitles

16 Years Till Summer è un ritratto dolorosamente seducente di una persona che torna al proprio paese dopo aver trascorso 16 anni in prigione, e dei suoi tentativi di ricostruire una vita normale. Ambientato nel bel paesaggio rigenerante delle Highlands scozzesi, il film esplora inevitabilmente il tema della redenzione, ma l’obiettivo principale del regista riguarda i rapporti di fiducia che Uisdean costruisce con il padre e con la sua donna, entrambi presi nel “nuovo inizio” che egli promette di condividere con loro. La storia diventa impegnativa e complessa, tragica ed emozionante. Mentre Uisdean tenta di sfuggire ai tragici eventi del suo passato e prova a reinventarsi con l’aiuto di coloro che gli vogliono bene e hanno bisogno di lui, siamo coinvolti in un viaggio inaspettato che trasforma le ipotesi iniziali e le capovolge. Con l’ausilio di tecniche cinematografiche che confondono deliberatamente la linea di confine tra il racconto del cuore e il giudizio razionale della società, 16 Years Till Summer è un insieme di cuore e testa, di realismo magico e tragedia documentata.

Trailer

____________________________________________________________________________

A-BETTER-PLACE

A BETTER PLACE
Regia | Director Giulia Della Casa
Fotografia | Photography Tsungai Garise, Giulia Della Casa
Montaggio | Editing Filippo Baciocchi, Giulia Della Casa
Produzione | Production Giulia Della Casa
Italia, 2015, 16’, inglese, swahili, kinyanja con sottotitoli in inglese e italiano | English, Swahili, Kinyanja with Italian and English subtitles

Emile, Noel, Celestine, Shadreck, Nitanga, Dinaka, Merci e Tumukunde sono ragazzi e ragazze scappati dalla guerra della Repubblica Democratica del Congo, arrivati in Zambia senza genitori, in cerca di rifugio, desiderosi di iniziare una nuova vita. “A better place” racconta la difficile realtà quotidiana vissuta in terra zambiana e le speranze coltivate per un futuro diverso, nonostante tutto.

Full doc

____________________________________________________________________________

Accademia-della-Follia

ACCADEMIA DELLA FOLLIA
Regia | Director Anush Hamzehian
Fotografia | Photography Flavio Nani
Montaggio | Editing Laurence Miller
Produzione | Production Point du Jour – France3 corse
Francia, 2014, 52’ italiano con sottotitoli in inglese | Italian with English subtitles

Dario, Charlie, Donatella, Claudio, Pino e gli altri si preparano per un nuovo spettacolo che andrà in scena allo Stabile di Trieste. Si rivendicano come matti. D’altra parte, se sono sulla scena oggi è grazie a Franco Basaglia e alla rivoluzione che trovò il suo epicentro al San Giovanni di Trieste negli anni ,70. Questo è un film che avrebbe voluto essere sull’Accademia della Follia e che si ritrova con gioia ad essere un film con l’Accademia della Follia.

Trailer

____________________________________________________________________________

dreams behind the wall

DREAMS BEHIND THE WALL
Regia | Director Elena Herreros
Fotografia | Photography Elena Herreros
Montaggio | Editing Dácil Manrique De Lara
Produzione | Production Elena Herreros & Merce Rivas
Spagna e Palestina, 2015, 71’ arabo con sottotitoli in inglese e italiano | Arabic with Italian and English subtitles

Si può vivere in carcere, in una terra circondata solo da muri e divieti? Si riesce ad immaginare come sia non sapere che cosa c’è dall’altra parte, essere prigioniero nella propria città? “Dreams behind the wall” (I sogni dietro il muro) è la storia di due bambini: Shada, nato a Gaza e Ahmed, in Cisgiordania, che ci raccontano le loro paure, ma anche i loro sogni. Sono loro, da protagonisti, ad aiutarci a conoscere la vita delle loro famiglie, e dunque quella di tutto il popolo palestinese.

Trailer

____________________________________________________________________________

el-solista-de-la-orquesta

EL SOLISTA DE LA ORQUESTA
Regia | Director Arantxa Echevarría
Fotografia | Photography Pilar Sánchez Díaz
Montaggio | Editing Renato Sanjuán
Produzione | Production Tvtec servicios audiovisuales
Spagna, 2016, 25’ spagnolo con sottotitoli in inglese e italiano | Spanish with English and Italian subtitles

L’unicità di Antonio è il suo orecchio assoluto. È una caratteristica che appartiene solo ad una persona su 10.000. Si tratta della capacità di riconoscere una nota solo ascoltandola. Mozart e molti grandi musicisti avevano questa abilità. Antonio però ha un’altra caratteristica più comune, che riguarda una persona su 80: è autistico.

Trailer

____________________________________________________________________________

en-transito

EN TRÁNSITO
Regia | Director Oskar Tejedor
Fotografia | Photography Álvaro Herrero
Montaggio | Editing Maialen Sarasúa & Oskar Tejedor
Produzione | Production Sonora Estudios S.L.
Spagna, 2016, 87’ spagnolo con sottotitoli in inglese e italiano | Spanish with English and Italian subtitles

“En Tránsito” riguarda la realtà di migliaia di madri latino-americane, costrette ad andare da sole in Europa alla ricerca di una stabilità economica, e le conseguenze nella relazione transnazionale a lunga distanza con i loro figli e figlie. Si tratta di situazioni estreme di cui non si parla o che non si conoscono, ma che avranno ripercussioni significative per tutta la loro vita.

Trailer

____________________________________________________________________________

eurovillage Erytréen camionnette

EUROVILLAGE
Regia | Director François Pirot
Fotografia | Photography François Pirot
Montaggio | Editing Yannick & Valène Leroy
Produzione | Production Limited Adventures sprl
Belgio 2015, 72’, francese, inglese, farsi, curdo, tigrino, wolof, ceceno con sottotitoli in inglese, e italiano | French, Kurdish, Tygrinia, Wolof, Czeczen, Farsi, English with English and Italian subtitles

Eurovillage, un complesso turistico nel cuore della foresta belga, nel 2011 è stato trasformato in un centro di accoglienza per richiedenti asilo. Isolati in questo luogo lontano per un periodo di tempo indeterminato, i residenti sono in attesa di una risposta logorante: saranno autorizzati a soggiornare in Belgio, o no? Come vivono questo lungo e strano “viaggio”, isolati dalla vita reale, sospesi tra ciò che erano e un futuro incerto?

Trailer

____________________________________________________________________________

Irawaddy

IRRAWADDY MON AMOUR
Regia | Director Valeria Testagrossa, Nicola Grignani, Andrea Zambelli
Fotografia | Photography Valeria Testagrossa, Andrea Zambelli
Montaggio | Editing Luca Gasparini
Produzione | Production Enrico Pacciani for Alkermes
Italia 2015, 78’ con sottotitoli in inglese e italiano | with English and Italian subtitles

In un piccolo centro rurale della Birmania, sulle rive del fiume Irrawaddy, in Myanmar, un venditore ambulante, Soe Ko, è innamorato di Saing Ko, un muratore proveniente da un altro villaggio. I due sognano un matrimonio con i fiocchi. Ma il Myanmar è governato da un regime militare e il matrimonio tra due uomini è severamente vietato. L’omosessualità non è accettata e molti omosessuali soffrono la stigmatizzazione e la discriminazione. In questa piccola comunità, tuttavia, vi è una eccezionale, piccola cerchia di persone per la quale gli omosessuali sono i benvenuti. Un attivista dei diritti umani, uno sciamano, un maestro elementare, un truccatore aiuteranno i due giovani a coronare il loro sogno. Il film li segue durante i preparativi per le nozze. Anche se ogni cosa deve essere fatta in segreto, ricevono pieno aiuto. Le donne del villaggio preparano il pranzo nuziale e i monaci buddisti officiano la cerimonia. Il matrimonio culmina in una celebrazione vitale che mostra come l’amore si opponga all’oppressione.

Trailer

____________________________________________________________________________

jungle sisters

JUNGLE SISTERS
Regia | Director Chloe Ruthven
Fotografia | Photography Chloe Ruthven
Montaggio | Editing John Mister
Produzione | Production Roast Beef Productions
Regno Unito, India 2015, 78’ inglese con sottotitoli in italiano | English with Italian subtitles

Nel 2008 il governo indiano ha lanciato un’iniziativa per la formazione di 500 milioni di poveri appartenenti alle aree rurali per dare lavoro nel settore industriale in crescita. Questo film racconta la storia di due ragazze di villaggio, Bhanu e Bhuntu, il cui inserimento nel mondo del lavoro è sotto la supervisione di Orlanda. Orlanda lavora per una società che ingaggia le ragazze per le industrie tessili che producono abiti per colossi come Gap. Mentre Bhanu e Bhuntu raggiungono la città per prendere il loro posto nella nuova India imprenditoriale, la realtà della vita di fabbrica costringe tutte e tre ad affrontare questioni come: giustizia sociale, fedeltà alla famiglia e ruolo della responsabilità d’impresa.

Trailer

____________________________________________________________________________

BAI_VisuelPrincipal_Web_Large

LE BAISER DE MARSEILLE
Regia | Director Valérie Mitteaux
Fotografia | Photography Margaux Vendassi, Elise Tamisier
Montaggio | Editing Sophie Reiter
Produzione | Production Films de force majeure
Francia, 2014, 52’ francese con sottotitoli in inglese e italiano | French with Italian and English subtitles

Una fotografia scandalosa. A Marsiglia, nel 2012, Julia e Auriane, due giovani studentesse, scendono in campo contro i manifestanti anti adozioni e matrimoni per le coppie omosessuali, offrendo uno spaccato che è diventato presto un punto di riferimento in termini di azione civile anti-discriminazione. Di fronte a loro un’omofobia che finge di essere invisibile, approfittando della lotta per l’uguaglianza dei diritti per mostrarsi in pubblico senza vergogna. Tra il progetto di legge progressista e la nuova omofobia, ci immergiamo in un’immagine che testimonia lo stato del rapporto tra la Francia e l’omosessualità.

Trailer

____________________________________________________________________________

loro-di-napoli-Afronapoli

LORO DI NAPOLI. AFRO-NAPOLI UNITED
Regia | Director Pierfrancesco Li Donni
Fotografia | Photography Chiara Caterina
Montaggio | Editing Matteo Gherardini
Produzione | Production Own Air Srl
Italia 2015, 69,’ italiano e francese con sottotitoli in inglese | Italian and French with English subtitles

Quest’anno, le cose si fanno difficili. Quest’anno l’Afro-Napoli United giocherà nel campionato federale italiano di Terza Categoria. È quasi un sogno per molti giocatori stranieri provenienti dalla Costa d’Avorio, da Capo Verde, dal Senegal e dal Brasile, senza un permesso di soggiorno. Ogni sabato, Antonio, il loro ostinato allenatore, telefona ai giocatori, uno ad uno, per convocarli per la partita. Maxim è fuggito da un paese in guerra, Costa d’Avorio, dove era una promessa del calcio. Adam, Adamo per la sua madre adottiva napoletana, ha abbandonato la scuola. È il portiere della squadra e lavora part-time come barista acrobatico. Lello ha un figlio che vive all’estero. È apolide. Vuole avere un’altra possibilità. Le leggi italiane sull’immigrazione sono tanto restrittive quanto aggrovigliate in una giungla di “buropazzia”, contro cui Antonio combatte a modo suo per tenere insieme la squadra. “Afro-Napoli United” racconta una storia di integrazione sociale personale ed emozionante, che va oltre i diritti dei migranti.

Trailer

____________________________________________________________________________

not yo mama

NOT YO MAMA’S MOVEMENT
Regia | Director Rokhaya Diallo
Fotografia | Photography Kiritin Beyer, Fabrice Gay, Rokhaya Diallo
Montaggio | Editing Wolfgang Korwin, Zmijowski Fabrice, Gay Baptiste Clugery
Produzione | Production Rok’n prod, Temps noir, Smooth and sidle
Francia, 2015, 52’, francese e inglese con sottotitoli in inglese e italiano | French and English with Italian and English subtitles

Dopo una serie di crimini contro afro-americani in molte città americane, in particolare il triste evento della morte di Michael Brown, accaduto a Ferguson, il mondo si è accorto che è nata una nuova generazione di attivisti. Con nuovi inattesi mezzi di comunicazione, essi sono riusciti a informare della violenza della polizia contro i neri l’opinione pubblica internazionale e a mobilitarla. Al di là dello shock e del turbamento della comunità nera, come fa questa popolazione a convivere giornalmente con questa situazione? Stiamo assistendo ad una nuova forma di apartheid? Chi sono questi giovani attivisti che hanno visto un nero accedere alla Casa Bianca mentre a malapena avevano diritto di voto? Che provengano da circuiti popolari, che siano leader religiosi o semplici studenti, si collocano nel solco dei loro predecessori (Martin Luther King o Rosa Park), pur rivendicando la loro indipendenza dai movimenti storici per i diritti civili. Rendersi conto che il loro paese non ha chiuso con il razzismo è una amara considerazione.Conversation with Rokhaya Diallo

____________________________________________________________________________

TAKSIM_visuel_1

TAKSIM. CHRONICLE OF THE TREE REVOLUTION
Regia | Director Jo Béranger, Christian Pfohl
Fotografia | Photography Christian Pfohl
Montaggio | Editing Emmanuelle Zelez
Produzione | Production Lardux Films
Francia, 2014, 52’ francese, inglese, turco con sottotitoli in inglese e italiano | French, English, Turkish with English and Italian subtitles

Al Gezi Park, nel centro di Istanbul, in piazza Taksim, alcune dozzine di difensori degli alberi, nel maggio 2013, daranno avvio a un movimento di protesta che avrebbe conquistato la Turchia e si sarebbe opposto al potere autoritario. Questa esplosione di libertà – il maggio ‘68 turco – è stata, ed è ancora, ferocemente repressa dal premier Erdogan con l’invio di numerosi convogli di polizia e gas lacrimogeni, mentendo in tutti i modi per porre fine a questa protesta e sbarazzarsi del movimento. Migliaia di persone sono rimaste ferite – il 20 luglio erano già morte 6 persone e 7.800 erano state ferite. La lotta dei çapulku, che significa “vagabondi”, come li chiama Erdogan, nasce da una lotta avviata da tempo contro la sostituzione di interi quartieri di Istanbul con edifici in stile americano e centri commerciali. Questo è stato il destino del Gezi Park voluto da Erdogan. Contro questa distruzione di Istanbul, la gente di Taksim si alza in piedi e grida: “Il parco appartiene a noi, Istanbul ci appartiene”.

Trailer

____________________________________________________________________________

Bride-of-the-Nile

THE BRIDE OF THE NILE
Regia | Director Edouard Mills-Affif
Fotografia | Photography Edouard Mills-Affif
Montaggio | Editing Anne Riegel
Produzione | Production Temps Noir
Francia, 2015, 63’ arabo con sottotitoli in inglese e italiano | Arabic with Italian and English subtitles

Come milioni di ragazze nel mondo, Heba è costretta a sposare un uomo che non ha scelto. In un paesino isolato sul delta del Nilo si svolge un dramma dalle proporzioni tragiche. Girato nel 2013, quando l’Egitto era guidato dai Fratelli Musulmani, questo film affronta direttamente e in modo struggente una tragedia personale condivisa da molte altre giovani donne. Utilizzando un approccio essenziale che risulta essere discreto e onnisciente, ponderato e spontaneo, il film rivela la profonda confusione di un Egitto in crisi.

Trailer

____________________________________________________________________________

hanna2

VITA ACTIVA.THE SPIRIT OF HANNAH ARENDT

Regia | Director Ada Ushpiz
Fotografia | Photography Ada Ushpiz
Montaggio | Editing Hadas Ayalon
Produzione | Production AU Films
Israele e Canada, 2015, 124’ inglese, ebraico e tedesco con sottotitoli in inglese e italiano | English, Hebrew, German with Italian and English subtitles

Hannah Arendt, una delle più influenti filosofe del XX secolo, ha vissuto sulla propria pelle le ferite aperte dei tempi moderni e ne ha scritto. Oggi, il suo pensiero suscita un rinnovato interesse dal momento che la sua comprensione della natura del male, la condizione dei rifugiati e le ideologie totalitarie appaiono più rilevanti che mai.

Trailer

____________________________________________________________________________

17women in sink

WOMEN IN SINK
Regia | Director Iris Zaki
Fotografia | Photography Iris Zaki
Montaggio | Editing Tal Cicurel
Israele, 2015, 36’ ebraico con sottotitoli in inglese e italiano | Hebrew with Italian and English subtitles

In un piccolo salone di bellezza arabo-cristiano a Haifa, in Israele, la regista istalla una videocamera sopra il lavandino. Mentre lava i capelli delle clienti, conversa in maniera sincera con loro, che sono arabe e ebree, su argomenti che spaziano dalla politica all’amore. Quello che emerge da queste conversazioni è un ritratto onesto e sfumato di Israele nella contemporaneità.

Trailer

____________________________________________________________________________