Pre festival / cortometraggi VFN

PRE FESTIVAL organizzato in collaborazione con Veneto Film Network e Tra Treviso Ricerca Arte.
—–
TRA, Ca’ dei Ricchi | Via Barberia, 25
8 set / sept, ore 18.30

I CORTI DI VENETO FILM NETWORK

La sedia di cartone, Marco Zuin
doc / Italia 2015 / HD / 16’

Jeoffrey è un bambino africano che non si può muovere autonomamente, per migliorare le sue condizioni di vita ha bisogno di un’attrezzatura specialistica. Come può essere garantita questo tipo di attrezzatura in un paese rurale del Kenya, dove a mancare sono i servizi di base? Il documentario La sedia di cartone risponde a questa domanda con un’esperienza unica al mondo: per Jeoffrey, così come per molti altri bambini, un gruppo di fisioterapisti ha iniziato a costruire degli ausili con materiali poveri riciclati.

La sedia di cartone TRAILER from Marco Zuin on Vimeo.

L’intruso, Filippo Meneghetti
fiction / Italia 2011 / HD / 19’

Dino è un gran lavoratore, uno che si dà da fare. Vive in un piccolo paese della campagna del Nordest. Con i suoi amici ha organizzato un servizio di ronde per tenere sotto controllo le strade del paese. Suo figlio Thomas detesta questa mentalità, non va a scuola e preferisce girare in motorino con Chiara, la sua ragazza, su e giù per i colli intorno al paese. Un giorno, il difficile rapporto tra padre e figlio arriva a una resa dei conti….

L’ intruso- short film from MeM music on Vimeo.


Anna, Diego Scano, Luca Zambolin
fiction / Italia 2013 / HD / 15’

Anna lavora come inserviente in un albergo di una piccola località termale. Ha evidenti problemi a relazionarsi con le persone e da molti anni sembra che la convinzione della solitudine abbia prevalso nella sua personalità, chiudendosi sempre più in un mondo impenetrabile ma equilibrato. Questa stabilità viene interrotta da un cambio di mansione che costringe Anna a rapportarsi con persone sconosciute, trovandosi a stretto contatto con un uomo che la colpisce emotivamente. L’attrazione nei confronti di quest’uomo sarà per lei un motore che azionerà meccanismi emotivi imprevedibili, portandola a mettersi in gioco come non aveva mai fatto prima.

Clip from “Anna” by Diego Scano and Luca Zambolin from MMOST on Vimeo.

Scorciatoie, Corrado Ceron
fiction / Italia 2015 / HD / 16’

Una giovane donna, Nina, mentre fa le pulizie di notte in un autogrill, rapisce una bambina di 8 anni, la carica in macchina e la porta a casa. E’ il giorno del compleanno del suo compagno e vuole fargli una sorpresa. Non hanno mai avuto figli e mai ne avranno. Quella notte è la loro occasione per essere genitori. Ma solo per qualche ora. Scorciatoie è una storia in bilico tra la voglia di normalità e l’impossibilità di realizzarla se non con un atto folle e violento. Ma è anche un tentativo di capire le ragioni profonde di un tale atto, di entrare nella prospettiva di una maternità negata, che è ancora piu tragica e drammatica di una morte o di un abbandono. I ruoli si stravolgono, la vera vittima in realtà è Nina, imprigionata in una situazione che non puo cambiare, e la bambina si sente piu amata nella condizione di rapita che non con i genitori naturali. Entrambe le donne raggiungono una libertà (e una felicità) che nella quotidianità è loro negata. E cosi, “giocano” a fare dei ruoli che la vita non permette loro di fare pienamente, consapevoli del fatto che la realizzazione di questo sogno è talmente labile e fragile che puo svanire in un attimo, come una bolla di sapone.

Scorciatoie – Official trailer from corrado ceron on Vimeo.

 —-

El Mostro. La coraggiosa storia di Gabriele Bortolozzo, Lucio Schiavon, Salvatore Restivo
animation / Italia 2015 / HD / 15

Questa è la storia di Gabriele Bortolozzo, eroe contemporaneo, eroe il cui nemico-mostro sono i veleni della produzione industriale tenuti nascosti dal Petrolchimico di Marghera, dici minuti in macchina da Venezia, venti minuti in bici. Questa è la storia delle domande che Bortolozzo ha cominciato a porsi negli anni, divenute poi pericolose certezze e subito dopo corpi senza vita di operai innocenti (e inconsapevoli). Queste domane sono qui rievocate con la liricità toccante di un’animazione ma con il concreto valore informativo di una reportage.