VINCITORI SMARTDOC SHARING FOOD – 1a SESSIONE

VINCITORI SMARTDOC SHARING FOOD - PRIMA SESSIONE  

“At the market” di Teseo Neuwah ha vinto il concorso Sole Luna Smartdoc 2015 - I sessione.

“International Snack and smile time” di Nico Dicuonzo ha vinto il premio del pubblico del concorso Sole Luna Smartdoc 2015 - I sessione.

Leggi di più...

VINCITORI SOLE LUNA DOC FILM FESTIVAL | PALERMO 2015

I VINCITORI E LE MOTIVAZIONI

Sole Luna Festival 2015 – X edizione

____________________________________________________________________________

SOLE LUNA AWARD | PREMIO DELLA GIURIA AL MIGLIOR DOCUMENTARIO THOSE WHO SAID NO, Nima Sarvestani Il premio della Giuria Internazionale per il miglior documentario viene assegnato a Those who said no di Nima Sarvestani, per il coraggio nell’affrontare, dopo decenni di silenzio, il tema delle atrocità commesse in Iran negli ultimi 30 anni. Per la sobrietà e la profonda umanità con cui sono mostrate le testimonianze, presso la Corte di Giustizia dell’AIA, dei sopravvissuti che continuano a lottare per far affiorare la verità. Un cammino, ancora oggi, difficile.

____________________________________________________________________________

PREMIO DELLA GIURIA | MENZIONE SPECIALE PER LA REGIA THE FREE VOICE OF EGYPT, Konstanze Burkard Questo film non è solo un importante ritratto di una scrittrice e femminista Nawal El Saadawi, la voce più forte e coraggiosa in Egitto per una società aperta. E' soprattutto un film che incoraggia gli esseri umani a lottare per i loro diritti e lottare per un mondo migliore. La regia di Konstanze Burkard è così semplice come le convinzioni di Nawal El Saadawi, e quindi perfetta!

____________________________________________________________________________

PREMIO DELLA GIURIA | MENZIONE SPECIALE PER LA FOTOGRAFIA MA NA SAPNA – A MOTHER’S DREAM, Valerie Gudenus Ma Na Sapna, il sogno di una madre non è per niente tale. Attraverso immagini impossibili da cancellare dalla nostra retina, il film mostra, senza giudicare, il funzionamento di una strana fabbrica dove le donne indiane tentano di realizzare il sogno di avere una casa propria attraverso una maternità surrogata.

____________________________________________________________________________

PREMIO DELLA GIURIA | MENZIONE SPECIALE PER IL MIGLIOR MONTAGGIO EX AEQUO

EL GRAN VUELO, Carolina Astudillo Per la capacità di piegare un variegato repertorio alle esigenze della narrazione di una fase fondamentale e drammatica della storia recente.

CANTONESE RICE, Mia Ma Per essere riuscito a costruire una fluida narrazione con pochi essenziali elementi di una storia in cui la tematica del recupero della propria identità ha una valenza generale.

Riz Cantonais recadrée ____________________________________________________________________________

PREMIO DELLA GIURIA | MENZIONE SPECIALE PER IL DOCUMENTARIO PIU’ INNOVATIVO LÉONE, MÈRE & FILS, Lucile Chaufour ll film si abbevera alle fonti del grande cinema moderno attraverso una scommessa consapevole e leggera nello stesso tempo, di luci ed ombre. La relazione tra una madre ed un figlio comprende al suo interno il passato e il presente di una famiglia, realizzando un ritratto toccante e restituendo gli istanti della bellezza conturbante tipica dei primi amori.

LEONE_still2

____________________________________________________________________________ PREMIO “UN PONTE TRA LE CULTURE” ASSEGNATO DALLA PRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE SOLE LUNA – UN PONTE TRA LE CULTURE I COMME IRAN, Sanaz Azari Il Sole Luna-Un ponte tra le culture award 2015 è assegnato al film I Comme Iran di Sanaz Azari. Il film è un omaggio alla conoscenza, al sapere, alla libertà, alla dignità dell’uomo e alla difesa dei valori fondamentali della vita. Ardito nella sua semplicità e al contempo intimo nella narrazione, scorre in un susseguirsi di immagini sobrie, incisive, eleganti. Il Sole Luna-Un ponte tra le culture award 2015 è dedicato alla memoria dell’amico, artista, regista e maestro Rubino Rubini.

______________________________________________________________________________________________________________________________

PREMIO DEL PUBBLICO THE SILENT CHAOS, Antonio Spanò

____________________________________________________________________________

Premio Giuria speciale del Liceo Linguistico Ninni Cassarà A LULLABY UNDER THE NUCLEAR SKY, Kana Tomoko

I componenti della Giuria speciale del Liceo Linguistico Ninni Cassarà di Palermo assegnano il Premio per il Miglior documentario A Lullabay Under the Nuclear Sky di Kana Tomoko con la seguente motivazione:per la solida costruzione narrativa ed il realismo con cui traduce in sentimenti, immagini e in scene di vita quotidiana l’angoscia e le paure di chi ha dovuto vivere un incidente nucleare; per il montaggio lineare che rende la storia toccante e di immediata fruizione; per la delicatezza della storia che riesce a mostrare chiaramente come la normalità della vita non possa non essere condizionata dalla devastante potenza del “gioco nucleare” facendoci dunque comprendere il vero potenziale distruttivo di questa energia definita “a basso costo”; per la coraggiosa volontà della Regista di farsi fedele osservatrice e testimone diretta di una sciagura senza precedenti anche a scapito dell’incolumità personale e del suo bambino.

Leggi di più...

PROGRAMMA DOMENICA 12/07/2015

CHIOSTRO SANT’ANNA 20.00   Premiazione| Award ceremony sconosciuto 22.00   CONCERTO | CONCERT Il Viaggio di Giuseppantonio da Napoli a Marsiglia Ambrogio Sparagna, Valentina Ferraiuolo, Erasmo Treglia Trio-low Un progetto vocale-strumentale che permette di conoscere più da vicino la maestria compositiva e la passionalità interpretativa di uno tra i musicisti più importanti nel panorama della nuova musica popolare italiana e grande virtuoso di organetto. “Il Viaggio di Giuseppantonio” esplora la tradizione musicale di area italiana attraverso una serie di brani originali composti da Ambrogio Sparagna e accompagnati da una piccola orchestra di strumenti che vanno dall’organetto alla conchiglia, dai tamburelli alla ghironda, dalla chitarra battente al violino a tromba. Il filo conduttore è il mitico viaggio di Giuseppantonio e dei suoi compagni musici, partito nei primi del ‘900 a piedi, da Napoli a Marsiglia. Un pellegrinaggio “al contrario”, lungo la Via Francigena. Sparagna, con parole e musiche, ci accompagna lungo questo itinerario, tra serenate e ballate, ninne nanne e tarantelle d’amore, ritmi frenetici e saltarelli, sempre attento a coinvolgere il pubblico e farlo “camminare” insieme a lui sulla musica. Uno spettacolo vivace e coinvolgente da uno degli autori e interpreti più importanti della scena folk italiana.
Leggi di più...

PROGRAMMA SABATO 11/07/2015

BUVETTE GAM

18.00-19.30 “MA PARLO ARABO?” Laboratorio per ragazzi | Arabic language classes

 

CHIOSTRO SANT’ANNA

20.30 Incontro con gli autori | Meet the authors

21.00   CONCORSO | COMPETITION

I comme Iran, Sanaz Azari Belgio | Belgium 2015, 52’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles

Bruxelles, dietro le porte chiuse di una classe. Usando un libro di testo risalente alla rivoluzione islamica, Sanaz Azari, la regista, impara a leggere e scrivere in farsi, la sua lingua madre. Nel corso delle lezioni, l'insegnante la inizia alle basi della lingua, che diventa un passaggio verso la storia e la cultura dell'Iran. Gradualmente, il metodo didattico delle lezioni si evolve in un collage poetico e visivo, che introduce il concetto di libertà e si interroga sul significato di una rivoluzione.

Guarda il trailer

ICOMMEIRAN_IFORIRAN_prof_teacher

The Silent Chaos, Antonio Spanò Repubblica Democratica del Congo | Democratic Republic of the Congo 2013, 45’, v.o. sottotitoli in italiano | o.v. Italian subtitles

Repubblica Democratica del Congo, Nord Kivu. Dopo anni di sanguinosa guerra civile, la società congolese ha perduto la propria identità. L'arcaismo, la superstizione e le credenze magiche sono tra i pochi elementi unificanti rimasti alla popolazione. Sono le forze che armano i ribelli Mai Mai nella difesa del territorio, ma permettono anche di identificare il diverso come una minaccia: è il caso dei sordi di Butembo. Questa è la storia di chi non ha voce né speranza, di chi non cessa di combattere per la propria dignità, di chi non vuole rassegnarsi all'infelicità.

Trailer

the silent chaos

¿Asì son los hombres?, Klaudia Reynicke Svizzera | Switzerland 2013, 56’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles

Nel 1986, all'età di dieci anni, Klaudia lascia il suo paese natale, il Perù, per stabilirsi in Svizzera insieme alla madre. Da quel momento, la loro famiglia in Perù inizia a filmare la vita che Klaudia e Margot non possono più vedere. Klaudia e sua madre fanno lo stesso dalla Svizzera. Lo scambio di videocassette per corrispondenza dura quattro anni. Circa venticinque anni dopo aver lasciato il suo paese di origine, Klaudia trova i nastri VHS della sua infanzia. Guardandoli da adulta, si pone una domanda: cosa c'è dietro l'immagine di unità familiare e qual è stato il prezzo da pagare per le donne di questa famiglia patriarcale che dovevano mantenere il ruolo di buone mogli e buone madri?

Intervista con Klaudia Reynicke

¿ASÌ-SON-LOS-HOMBRES--LOW

CORTILE BONET

21.00   CONCORSO | COMPETITION

Almost friends, Nitzan Ofir Israele | Israel 2014, 60’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles

Due ragazze s’incontrano sul web. Samar, dodici anni, è figlia di un’arabo-israeliana e di un palestinese della Cisgiordania. Vive a Lod, una città mista in cui vivono arabi ed ebrei, pervasa da povertà e criminalità. Linor ha undici anni, è nata in un insediamento ebraico nella striscia di Gaza e vive a Tlamim, un villaggio di religione ebraica. Lod e Tlamim si trovano a soli sessantasette chilometri di distanza, ma una voragine nazionale, culturale e ideologica li separa. Grazie a un programma educativo-tecnologico, iniziano un’innocente corrispondenza via mail. S’incontreranno poi di persona e inizierà un'esperienza nuova, profonda, stressante e sorprendente che coinvolgerà non solo le due ragazze, ma anche le loro famiglie.

Guarda il trailer

Almost-Friends-LOW

La verdad bajo la tierra. Guatemala, el genocidio silenciado, Eva Vilamala Guatemala, Spagna | Guatemala, Spain 2014, 60’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles

In Guatemala, la repressione sistematica delle popolazioni indigene ha portato a un sanguinoso conflitto armato che ha provocato, dal 1960 al 1996, più di 200.000 morti, la maggior parte dei quali erano Maya. In un ambiente di paura e minacce, il fotografo Miquel Dewever-Plana ha lavorato per anni, documentando il processo di esumazione e raccogliendo le testimonianze delle numerose vittime che ora fanno parte del libro "La verità sotto terra. Guatemala, il genocidio taciuto". Anni dopo, è tornato nelle comunità maya per consegnare questo libro a chi aveva condiviso le proprie storie.

Trailer

la-verdad-bajo-la-tierra-low

Naoshima (Dream on the tongue), Claire Laborey Francia | France 2014, 67’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles

Naoshima è una piccola isola giapponese nel Mare interno di Seto che, dagli anni Novanta, ospita un interessante progetto di sponsorizzazione dell’arte contemporanea. Sotto la spinta di un imprenditore, a Naoshima il numero dei musei e delle installazioni esterne è cresciuto. L’isola, fino a quel momento, era popolata solo da pescatori, agricoltori e lavoratori e, a causa dell'esodo post-industriale, aveva conosciuto un calo della popolazione e della sua economia locale. “Naoshima (Deam on the tongue)” è l'esplorazione di quest’isola, luogo di scambio inaspettato tra l’arte contemporanea, le tradizioni e la vita di tutti i giorni. Otto chilometri quadrati di utopia, raccontata dai suoi abitanti.

Trailer

NAOSHIMA

Leggi di più...

CAMBIO PROGRAMMA VENERDI 10/07/2015

Comunichiamo il seguente cambio programma CAMBIO PROGRAMMA | CHANGE OF SCHEDULE   SALA CONFERENZE | CONFERENCE HALL 18.00, OMAGGIO A | TRIBUTE TO MICHELANGELO ANTONIONI Tavola rotonda I Round table Gianni Massironi, Morena Campani 19.00 EVENTO COLLATERALE | COLLATERAL EVENT Albatros, appunti per un documentario, Ivan Scinardo Italia| Italy, 20’, italiano | Italian   CHIOSTRO SANT’ANNA 20.30 Incontro con gli autori | Meet the authors 21.00 OMAGGIO A | TRIBUTE TO MICHELANGELO ANTONIONI A lezione con | Lecture by Gianni Massironi: “Dear Antonioni…” 22.40   CONCORSO | COMPETITION Mutso, l'arrière-pays, Corinne Sullivan Francia | France 2014, 50’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles 23.40 OMAGGIO A | TRIBUTE TO MICHELANGELO ANTONIONI Tutto bianco, Morena Campani Italia, Francia | Italy, France 2015, 50’, v.o., sottotiloli italiano | o.v. Italian subtitles   CORTILE BONET 21.00   CONCORSO | COMPETITION El Gran Vuelo, Carolina Astudillo Spagna | Spain 2014, 60’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles A Mother’s Dream – Ma Na Sapna, Valerie Gudenus Svizzera | Switzerland 2013, 86’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles Ninì, Gigi Giustiniani Italia | Italy 2014, 65’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles Ceremonies, Robert Cahen Francia | France 2014, 8’, senza dialoghi | no dialogues Waiting for the (t)rain, Simon Panay Francia, Burkina-Faso | France, Burkina-Faso 2015, 25’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles  
Leggi di più...

PROGRAMMA VENERDÌ 10/07/2015

Attenzione comunichiamo che c'è stato un cambio di programma rispetto al programma cartaceo. BUVETTE GAM 18.00-19.30 “MA PARLO ARABO?” Laboratorio per ragazzi | Arabic language classes   SALA CONFERENZE | CONFERENCE HALL 18.00, OMAGGIO A | TRIBUTE TO MICHELANGELO ANTONIONI Tavola rotonda | Round table Gianni Massironi, Morena Campani 19.00 EVENTO COLLATERALE | COLLATERAL EVENT Albatros, appunti per un documentario, Ivan Scinardo Italia| Italy, 20’, italiano | Italian   CHIOSTRO SANT’ANNA 20.30 Incontro con gli autori | Meet the authors   21.00 OMAGGIO A | TRIBUTE TO MICHELANGELO ANTONIONI A lezione con | Lecture by Gianni Massironi: “Dear Antonioni…” 22.40   CONCORSO | COMPETITION Mutso, l'arrière-pays, Corinne Sullivan Francia | France 2014, 50’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles Nugzari si è stabilito con la sua famiglia tra le rovine di Mutso, il paese della sua infanzia, tra le montagne deserte del Caucaso. Cresciuto con le leggende epiche originatesi attorno a questo territorio, Nugzari cerca di trasmettere al figlio la sua intima relazione con le pietre e il passato di questo entroterra sacro della Georgia. Guarda il trailer MUTSO_ 23.40 OMAGGIO A | TRIBUTE TO MICHELANGELO ANTONIONI Tutto bianco, Morena Campani Italia, Francia | Italy, France 2015, 50’, v.o., sottotiloli italiano | o.v. Italian subtitles Il documentario si propone come un viaggio alla scoperta dei luoghi di Michelangelo Antonioni, i luoghi delle riprese dei suoi film, i luoghi affettivi, i luoghi dell’anima. Luoghi nei quali vuoto e silenzio regnano prepotentemente, dove visibile e invisibile si fondono nell’incontro con uno sguardo. Una delle interpreti dell’ultimo lavoro cinematografico, Fanny Ardant, ci accompagnerà alla scoperta delle prospettive tra la vita e il cinema, in un parallelo continuo che lascerà intravvedere la profondità dell’essere donna secondo Antonioni. Trailer  Photo Centrale Porto Corsini (Gian Luca Liverani) CORTILE BONET 21.00   CONCORSO | COMPETITION El Gran Vuelo, Carolina Astudillo Spagna | Spain 2014, 60’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles Nei primi anni della dittatura di Franco, Clara Pueyo Jornet, una militante del Partito comunista, fugge dal carcere di Les Corts a Barcellona uscendo dalla porta principale. Da quel momento scompare senza lasciare traccia. Ha vissuto in fuga e ha cercato di sfuggire alla rigidità del suo stesso partito. La sua storia è anche la storia delle donne del suo tempo e della loro lotta per la libertà in una società che cercava di sottometterle. Guarda il trailer el gran vuelo_01 A Mother’s Dream – Ma Na Sapna, Valerie Gudenus Svizzera | Switzerland 2013, 86’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles “Ma na sapna - A mother's dream” segue sei donne e il loro mediatore nelle diverse fasi della maternità surrogata in una clinica nel nord-ovest dell'India. Il film esplora le speranze delle donne, le gioie e i conflitti che le attraversano mentre vivono insieme, il momento inevitabile in cui dovranno rinunciare al neonato. “Ma Na Sapna” è un sottile ritratto di sei madri nel loro cammino di surrogate, che dà loro una voce che rimarrebbe altrimenti inascoltata. Guarda il teaser MANA SAPNA_Still5dc Ninì, Gigi Giustiniani Italia | Italy 2014, 65’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles Nell'estate del 1932 Gabriele Boccalatte e Ninì Pietrasanta si incontrano sul Monte Bianco: scalano insieme, si innamorano. Da allora fino al 1936, l’anno in cui si sposano, vivono la loro grande stagione alpinistica e aprono, come compagni di cordata, alcune delle vie più difficili delle Alpi. Per tenere traccia delle loro imprese iniziano a scrivere diari e a fare fotografie. Ninì, una delle pochissime donne alpiniste di quegli anni, porta con sé in parete anche una cinepresa 16mm. Nel 1937 nasce il loro figlio Lorenzo e nel 1938 Gabriele muore, cadendo da una parete. Ninì abbandona l’alpinismo estremo per continuare la sua vita di madre. Qualche anno dopo la morte di Ninì, avvenuta nel 2000, il figlio Lorenzo ritrova in un baule le immagini girate dalla madre. Trailer NINI' Ceremonies, Robert Cahen Francia | France 2014, 8’, senza dialoghi | no dialogues Guardando alla storia umana, un solo istante è sufficiente per ricordarci la nostra fragilità, la bellezza dell’esistenza, la necessità vitale della Natura. Ceremonies-arbre Waiting for the (t)rain, Simon Panay Francia, Burkina-Faso | France, Burkina-Faso 2015, 25’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles Un paesino sperduto in un deserto polveroso della savana del Burkina. Il treno passa due volte a settimana. I prodotti alimentari e le bottiglie d’acqua lanciate dai passeggeri del treno in transito costituiscono la principale fonte di reddito del paese e l'unica fonte d’acqua durante la stagione secca. Diversi ritratti si susseguono. I più anziani hanno conosciuto la schiavitù al servizio della Francia, i giovani sognano orizzonti lontani. Making of waiting for the (t)rain Photo 1  
Leggi di più...

PROGRAMMA GIOVEDÌ 09/07/2015

BUVETTE GAM 18.00-19.30 “MA PARLO ARABO?” Laboratorio per ragazzi | Arabic language classes ____________________________________________________________________________  SALA CONFERENZE | CONFERENCE HALL 17.30 Tavola rotonda I Round table Alessandro Rais, Umberto De Paola, Morena Campani, Giovanni Massa, Gianni Massironi, Renato Tomasino Proiezioni | screenings Gente del Po, Michelangelo Antonioni Italia | Italy 1943-1947 - 9’ - Italiano | Italian Ritorno a Lisca Bianca, Michelangelo Antonioni Italia | Italy 1983 - 9’ - Italiano | Italian Noto, Mandorli, Vulcano, Stromboli, Carnevale, Michelangelo Antonioni Italia | Italy 1992 - 8’ - Italiano | Italian Sicilia, Michelangelo Antonioni Italia | Italy 1997 - 9’ - Italiano | Italian Lo sguardo di Michelangelo, Michelangelo Antonioni Italia / Italy, 2004, 15', italiano / Italian ____________________________________________________________________________  CHIOSTRO SANT’ANNA 21.00   CONCORSO | COMPETITION Sciesopoli, un luogo della memoria, Enrico Grisanti Italia |Italy 2013, 18’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles Una storia molto particolare in un luogo unico; attraverso alcune brevi testimonianze, viene raccontata la storia di Sciesopoli, la ex colonia fascista di Selvino (Bg) che nell’immediato dopoguerra accolse più di 800 bambini e ragazzi ebrei, reduci dai campi di concentramento. Trailer Sciesopoli The Carsony Brothers - From Vienna to Las Vegas, Barbara Weissenbeck Austria 2014, 64’, v.o. sottotitoli in italiano | o.v. Italian subtitles Questa è l’accattivante storia, dalla miseria al successo, di tre straordinari fratelli cresciuti in un quartiere povero di Vienna, Austria, e della loro rapida ascesa verso la fama mondiale come acrobati negli anni Cinquanta e Sessanta del Novecento. In equilibrio su bastoni da passeggio, bottiglie di champagne o palle da bowling, con una spruzzata sfolgorante di charme e umorismo, i fratelli Carsony trasmettevano un universo di sensazioni. Trailer CARSONY_low   22.30 FUORI CONCORSO - SINERGIE | OUT OF COMPETITION - SYNERGIES Ruina, Markus Lenz Germania | Germany 2014, 73’, v.o. sottotitoli in italiano | o.v. Italian and English subtitles In collaborazione con | In partnership with Goethe Institut Cosa succede quando una banca fallisce? Ad esempio può essere occupata da 3000 persone e trasformata in un progetto abitativo. Nel centro storico di Caracas, un grattacielo in rovina di 200 metri si innalza verso il cielo caraibico ed è usato come rifugio da 750 famiglie. Ignorati dall'amministrazione comunale e temuti dal vicinato, i cittadini di Torre Confinanzas hanno costruito un modello di microsocietà socialista nella loro ‘città’ verticale. “Ruina” racconta le difficoltà affrontate ed i risultati raggiunti nella creazione di una vera e propria comunità sociale. Trailer Still 3 23.50   CONCORSO | COMPETITION Destination de Dieu, Andrea Gadaleta Caldarola Italia | Italy 2014, 21’, v.o., sottotitoli in italiano | o.v., Italian and English subtitles Vicino Rignano Garganico, fra i campi della Capitanata, sorge il Ghetto, una baraccopoli abitata esclusivamente da africani. Alcuni dei suoi abitanti hanno deciso di raccontarsi e di partecipare alla produzione di un documento audiovisivo: "Destination de Dieu". Guarda il trailer destination-de-dieu_foto 2  ____________________________________________________________________________  CORTILE BONET 21.00   CONCORSO | COMPETITION A Lullaby under the Nuclear Sky, Kana Tomoko Giappone |Japan 2014, 69’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles Durante il disastro alla centrale nucleare di Fukushima, una documentarista scopre una coincidenza: la centrale nucleare Fukushima Daiichi aveva cominciato a funzionare il giorno del suo compleanno, quarant’anni prima. Provando uno strano senso del destino e di colpa, a dispetto dell’avvertimento del governo, decide di entrare nella zona rossa coinvolta dalle radiazioni per filmare quello che i principali media non mostravano. Durante le riprese si ammala e nello stesso tempo, a quarant’anni, scopre di essere incinta per la prima volta. Dopo essersi sottoposta per anni a cure per la fertilità, adesso è combattuta tra la gioia e il senso di devastazione. Guarda trailer A-Lullaby'69-PR-picture-still-1 Le chant de la fleur, Jacques Dochamps, José Gualinga Belgio, Ecuador | Belgium, Ecuador 2013, 61’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles Minacciato dall'industria petrolifera, il popolo amazzonico di Sarayaku conduce una costante lotta per la sopravvivenza. Ispirato da un'ancestrale canzone sciamanica, si impegna in un'incredibile sfida di portata universale: la Frontiera della Vita. Trailer CISSA2 The free voice - Nawal El Saadawi, Konstanze Burkard Germania | Germany 2015, 52’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese|o.v. Italian and English subtitles Nawal al Sa'dawi è nota in tutto il mondo come scrittrice femminista. In Egitto, sua terra d'origine, è una delle personalità più importanti del movimento di emancipazione delle donne. Il documentario traccia le tappe più importanti del percorso di un’intellettuale che ha rischiato più di una volta la vita per le proprie convinzioni. La biografia di Nawal al Sa'dawi abbraccia più di otto decenni di storia egiziana contemporanea, visti con gli occhi di una donna che avanza le richieste non negoziabili delle donne egiziane, indipendentemente da come si chiami il potente di turno. Trailer Nawal El Saadawi_village library  
Leggi di più...

PROGRAMMA MERCOLEDÌ 08/07/2015

MERCOLEDÌ | WEDNESDAY 08/07/2015   BOUVETTE GAM 18.00-19.30 “MA PARLO ARABO?” Laboratorio per ragazzi | Arabic language classes  ____________________________________________________________________________ CHIOSTRO SANT’ANNA 20.30 Incontro con gli autori | Meet the authors   21.00   CONCORSO | COMPETITION Rada, Alessandro Abba Legnazzi Italia |Italy 2015, 70’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles Nella casa di riposo per gente di mare a Camogli, una ciurma di marinai in pensione aspetta l’ora dell’ultimo sbarco. In questa fase di stallo, un quasi centenario sommergibilista gioca al superenalotto sognando di vincere un viaggio in crociera per ballare il tango con una donna meravigliosa, un vecchio palombaro si aggira nei corridoi recitando le sue poesie a alta voce, un macchinista su bananiere africane combatte contro il gelo dell’aria condizionata, un comandante di navi mercantili ricerca nelle stelle la rotta per la sua nave e un nostromo nostalgico bestemmia mentre rincorre con il suo binocolo le navi all’orizzonte. Tutto questo mentre la nave è ferma all’ancora, nel suo aspetto immobile, in rada. Trailer RADA 22.10   FUORI CONCORSO - SINERGIE | OUT OF COMPETITION - SYNERGIES Brûle la mer, Nathalie Nambot, Berchache Maki Francia | France 2014, 75’, v.o. sottotitoli in italiano | o.v. Italian and English subtitles “Brûle la mer” è un documentario sulla storia della diaspora tunisina in seguito alla Rivoluzione della Primavera tunisina. Dal continente magrebino alle strade di Parigi, i giovani tunisini scoprono in Francia un senso di libertà e una sfida profonda alle loro credenze. Guarda estratto brule-la-mer8 23.30 CONCORSO | COMPETITION We cannot go there now my Dear, Carol Mansour Libano | Lebanon 2014, 42’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles I profughi palestinesi vivono in Siria da quando, nel 1948, sono stati costretti a fuggire dalla Palestina. Con l’intensificarsi della crisi in Siria essi subiscono, assieme ai siriani, le conseguenza della guerra. La loro storia, tuttavia, è più complessa. Fuggendo dalla Siria e cercando rifugio in Libano, stanno diventando una categoria speciale di rifugiati: sono doppiamente profughi. Come palestinesi, spesso non sono i benvenuti in Libano, come profughi, i loro documenti di viaggio non sono riconosciuti. Come palestinesi, questa è la seconda volta che perdono tutto e che si ritrovano senza casa e senza patria. Questo documentario racconta un pezzo di storia di chi si trova a essere due volte profugo. Una storia in cui, tra un esodo e l’altro, si sono risvegliati i ricordi e in cui il senso della perdita pervade ogni cosa, colpendo l'identità. Una storia di cui sono note le cause e le conseguenze, ma non la fine. Una storia in cui le vite vengono continuamente ricostruite e improvvisate aspettando il ritorno. Trailer We cannot go there  ____________________________________________________________________________ CORTILE BONET 19.00 ODISSEA/UNA LINGUA PER UN MARE DI MEZZO Lettura di | Reading by Milad Ansari con | with Lina Prosa, Claudia Brunetto, Milad Ansari, Anna Barbera   21.00   CONCORSO | COMPETITION We are become death, Jean-Gabriel Periot Francia | France 2014, 4’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles WABD 04 Bla cinima, Lamine Ammar-khodja Francia | France 2014, 82’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles Un regista si avventura per le strade di Algeri per intervistare la gente sul cinema. Viene subito rapito dagli incontri spontanei e dalle realtà della città. Il film, vivido ritratto della città di Algeri, è una riflessione sul cinema all'interno del paese. Intervista a Lamine Ammar-Khodja bla-cinima-low Those Who Said No, Nima Sarvestani Svezia, Iran | Sweden, Iran 2014, 89’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles Dopo decenni di silenzio, i sopravvissuti e i parenti delle vittime sottoposte ad atrocità di massa istituiscono un Tribunale dei Cittadini. Testimonieranno contro un crimine compiuto dal regime iraniano e tenuto segreto al pubblico per più di 25 anni. I responsabili di questi crimini rivestono oggi alte cariche di governo in Iran. Senza l'impegno di alcuni sopravvissuti, il loro segreto sarebbe ancora al sicuro. Nel 2013 un tribunale internazionale, l'Iran Tribunal, è convocato presso la Corte di Giustizia dell'Aia. Le vittime e i loro parenti hanno adesso la possibilità di mettere l'Iran sotto processo per crimini contro l'umanità. Questo è un film su chi si rifiuta di essere messo a tacere, su chi lotta per il diritto di raccontare la propria storia in tribunale. Trailer those-who-said-no
Leggi di più...

PROGRAMMA MARTEDÌ 07/07/2015

BUVETTE GAM 18.00-19.30 “MA PARLO ARABO?” Laboratorio per ragazzi | Arabic language classes ____________________________________________________________________________  CHIOSTRO SANT’ANNA 20.30 Incontro con gli autori | Meet the authors   21.00   CONCORSO | COMPETITION Cantonese rice, Mia Ma Francia | France 2015, 50’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles) Un viaggio di andata e ritorno tra la mia famiglia e il popolo cinese da poco arrivato in Francia, per trovare un senso alla mia ignoranza della lingua paterna, il cantonese. Trailer Riz Cantonais recadrée 22.00   FUORI CONCORSO - SINERGIE | OUT OF COMPETITION - SYNERGIES In collaborazione con | In partnership with Instituto Cervantes Edificio España, Victor Moreno Spagna | Spain 2012, 94’, v.o. sottotitoli in italiano | o.v. Italian and English subtitles Nel 2007 comincia la ristrutturazione integrale dell'Edificio España, un emblematico palazzo di Madrid che, ai tempi del franchismo, era un simbolo di prosperità. Al progetto partecipano più di duecento lavoratori di diverse nazionalità. Nascono così insoliti aneddoti e le storie personali di questi uomini si integrano alla memoria del posto. Un'immensa Torre di Babele sulla quale resteranno impresse le impronte della nostra epoca. Trailer Still Edificio EspanÞa 4 23.40   CONCORSO | COMPETITION Al Karama, Marco Di Noia Italia |Italy 2014, 47’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles “Al Karama" è la parola araba che significa "dignità". Il progetto esplora la complessità della primavera araba attraverso un approccio multimediale. Nei mesi di marzo e dicembre 2011 ho viaggiato lungo le rive della costa sud del Mediterraneo catturando, con la mia videocamera, la caduta dei regimi e le conseguenze in Tunisia, Libia ed Egitto. Volevo capire cosa stava succedendo in quelle piazze, perché le persone protestavano e quello che volevano ottenere. Era la mia prima volta nel mondo arabo e la prima volta che facevo video-giornalismo. Trailer foto_alkarama-low ____________________________________________________________________________ CORTILE BONET 18.00 STRANIERI. FIGURE DELL’ALTRO NELLA GRECIA ANTICA Presentazione del libro di |Book lounge by Andrea Cozzo Intervengono | with Gabriella D’Agostino, Roberto Pomelli Sarà presente l’autore | Meeting with the author   21.00   CONCORSO | COMPETITION Hacia una primavera rosa, Mario de la Torre Spagna |Spain 2014, 17’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles I giovani membri della comunità LGBT araba devono vivere in clandestinità. Dopo la primavera araba si sentono frustrati. Sarà il momento di una primavera rosa? Trailer hacia una primavera rosa Terra di transito, Paolo Martino Italia | Italy 2015, 54’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles Come migliaia di suoi coetanei in fuga dalla guerra, Rahell ha intrapreso un duro viaggio dal Medio Oriente all’Europa senza visti né passaporto, tentando di congiungersi a un ramo della famiglia che vive da anni in Svezia. Sbarcato in Italia tuttavia scopre che a dividerlo dalla sua meta c’è il Regolamento di Dublino, la norma che impone ai rifugiati di risiedere nel primo paese d’ingresso in Unione europea, anche se per Rahell l’Italia non è altro che una terra di transito. Trailer TERRA DI TRANSITO Jashn-e Taklif, Firouzeh Khosrovani Iran 2014, 60’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles La sala è invasa dalle chiacchiere di studentesse iraniane che indossano vestiti lilla e hijab bianchi. Un imam spiega loro che, avendo compiuto nove anni, hanno raggiunto "l'età del dovere": l’inizio della pubertà, con tutti i precetti religiosi che l’accompagnano. I giorni spensierati sono finiti e, da questo momento, l’angelo sulla spalla destra e il diavolo sulla sinistra le guarderanno, soppesando il bene e il male. Incitate dall’imam, le ragazze salmodiano coscienziosamente dei versi che indicano quando devono o non devono indossare l'hijab. Salutata da grida di gioia, viene affettata una torta di panna a forma di Kaaba. Otto anni più tardi, la regista Firouzeh Khosrovani fa visita a due delle bambine che aveva filmato in quell’occasione: le cugine ed ex migliori amiche Melika e Maryam. Maryam indossa il suo hijab con convinzione e condivide i suoi dubbi esistenziali con Dio. Melika sogna una carriera da attrice, si smalta le unghie e posta i suoi selfie su Instagram. Trailer fest-image-02-LOW Léone, mére & fils, Lucile Chaufour Francia | France 2014, 41’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles Léone, la proprietaria di un bar-ristorante nella periferia di Parigi, è un’orchessa dalla battuta sagace che muove, sinuosa, la sua imponente figura tra i tavoli dei clienti abituali. Tutta curve, capelli ossigenati e con la battuta sempre pronta, Léone è una donna in un mondo di uomini, dove la sua parola è legge. Tra di loro c'è il figlio, Patrick, che è ancora un bambino e ha occhi solo per lei. LEONE_still2
Leggi di più...

PROGRAMMA LUNEDÌ 06/07/2015

CHIOSTRO SANT’ANNA 19.00 Inaugurazione Mostra fotografica | Opening Photografic Exhibition 19.30 Saluti e aperitivo inaugurali | Opening greetings & Drinks 20.30 Anima Mediterranea, Performance Balletto di Palermo ____________________________________________________________________________ 21.00   CONCORSO | COMPETITION Elizabeth’s playground, Maris Kerge, Erik Norkroos Estonia 2015, 28’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v., Italian and English subtitles

Elizabeth, una bambina di quattro anni, è nata in una famiglia di ex ballerini e ha trascorso gran parte della sua vita nella danza classica con i suoi genitori. Conosce per nome tutti i membri della compagnia Estonia Ballet e ricorda a memoria tutte le performance avendole viste tantissime volte. Elizabeth ama, o meglio, adora il balletto, ma sarebbe stato lo stesso se avesse potuto fare altre scelte? Questo è il viaggio della piccola Elisabeth nel magico mondo della danza classica, dove la vita reale incontra l'illusione e le fiabe possono diventare realtà.

 IMG_0736 21.30 OMAGGIO A | TRIBUTE TO MICHELANGELO ANTONIONI L’Avventura, Michelangelo Antonioni Italia, Francia | Italy, France 1960, 140’,v.o.

Durante una crociera in Sicilia, una donna scompare misteriosamente. Il fidanzato e l’amica la cercano, sempre meno disperatamente… «Ci sono dei film gradevoli e dei film amari, dei film leggeri e dei film dolorosi. “L’Avventura” è un film amaro, spesso doloroso. Il dolore dei sentimenti che finiscono o dei quali si intravvede la fine nel momento stesso in cui nascono. Tutto questo raccontato con un linguaggio che ho cercato di mantenere spoglio di effetti» (Antonioni).

L avventura CIneteca Nazionale

 ____________________________________________________________________________ CORTILE BONET 21.00   CONCORSO | COMPETITION Wir waren rebellen, Katharina von Schroeder, Florian Schewe Germania |Germany 2014, 93’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles

Il documentario racconta la storia di Agel, un ex bambino soldato che torna nel Sudan del Sud per aiutare a ricostruire il suo paese. Il film lo accompagna per un periodo di due anni - dall’indipendenza, nel 2011, fino alla recrudescenza della guerra civile, nel dicembre del 2013. Come capitano della squadra di basket nazionale del Sudan del Sud – il paese più giovane del mondo – Agel allena la squadra per la sua prima partita internazionale contro l'Uganda. I conflitti all'interno della squadra mostrano una sorprendente somiglianza con i problemi politici che si stanno inasprendo in tutto il paese.

Trailer WE WERE REBELS The sound before the fury, Lola Frederich, Martin Sarrazac Francia |France 2014, 88’, v.o. sottotitoli in italiano e inglese | o.v. Italian and English subtitles

Nel gennaio del 1972, Archie Shepp aveva registrato l'album Attica Blues, un omaggio alla rivolta della prigione di Attica. Quarant’anni dopo, rivisita questa musica. Lo seguiamo con venticinque musicisti durante i giorni intensi delle prove per il concerto inaugurale di Parigi. “The sound before the fury” intreccia questo racconto con le immagini della ribellione e le interviste dei leader registrate nel 1972. Testimoniamo la determinazione di Shepp a trasmettere, oltre le note, il senso e il sentimento della sua musica; scopriamo i legami, alcuni intimi, che i musicisti hanno con gli eventi di Attica.

 Trailer archie silhouette  
Leggi di più...