IL CINEMA DEL REALE NELLE SCUOLE. RESTA ONLINE E CRESCE IL CLOUD FSE/FESTIVAL SOCIO EDUCATIONAL

UNA SCOMMESSA PILOTA IN ITALIA DI "SOLE LUNA FESTIVAL" E REGIONE SICILIANA, REALIZZATA GRAZIE AL FONDO SOCIALE EUROPEO

Si arricchisce di nuovi documentari il portale FSE/Festival Socio Educational, un cloud di film documentari (http://cloud.solelunadoc.org) ideato per le scuole superiori da Sole Luna – Un ponte tra le culture insieme all’Assessorato all’Istruzione della Regione Siciliana con il sostegno del FSE. Un progetto formativo pilota in Italia che unisce educazione civica, educazione all’immagine, conoscenza di pratiche di inclusione sociale, gioco e utilizzo responsabile dei social, a partire da una piattaforma digitale di film documentari fruibili sia durante le ore di scuola in presenza che in didattica a distanza con la modalità dello schermo condiviso.

Il progetto, lanciato a metà dicembre 2020, ha avuto lo scorso anno scolastico l’adesione di numerosi Istituti da varie parti della Sicilia, coinvolgendo circa 1700 studenti nonostante le difficoltà determinate dalla pandemia. «In accordo con l’Assessorato all’Istruzione - dice la presidente Lucia Gotti Venturato - abbiamo deciso di incentivare il progetto, collegandolo in maniera ancora più forte e strutturale al Festival Sole Luna, in programma ogni anno a Palermo, crocevia di culture e dialogo tra culture, non solo coinvolgendo le ragazze e i ragazzi nelle attività della giuria studenti ma caricando sulla piattaforma il film vincitore del primo premio dell’ultima edizione

A partire da oggi, 16 settembre, primo giorno di scuola per la maggior parte delle studentesse e degli studenti siciliani, ai film già presenti in piattaforma si aggiunge il titolo vincitore di quest’anno: Il mio corpo di Michele Pennetta che racconta le vite sospese di un adolescente siciliano, Oscar, e di Stanley, giovane nigeriano. Una storia che parla di Sicilia, di italiani e nuovi italiani accomunati da un’esistenza ai margini della società.

«All’inizio – dice ancora Gotti – pensavamo ad Fse come ad una rassegna, adesso la immaginiamo come una “infrastruttura” della conoscenza vera e propria, da alimentare a beneficio degli studenti di oggi e di domani.» «La Sicilia anche con il contributo del Fondo sociale europeo – sottolinea l’assessore all’Istruzione e alla Formazione professionale Roberto Lagalla – favorisce l’inclusione sociale dei suoi giovani. Per questo, dopo il successo dello scorso anno, abbiamo deciso di continuare a sostenere questo importante progetto pilota. Attraverso i film, attraverso un linguaggio più immediato e vicino alle giovani generazioni, la nostra Regione punta a migliorare la conoscenza e il livello delle competenze, tutti temi trattati dai film proposti da Sole Luna, dall’importante funzione educativa e pedagogica.»

I documentari scelti dai direttori artistici di #SLDFF, Chiara Andrich e Andrea Mura affrontano temi dell’occupazione, dell’inclusione sociale, della lotta alla povertà, dell’istruzione e della formazione. Sono film che raccontano storie reali ampliando la conoscenza del mondo. I titoli già disponibili: BRING THE SUN HOME di Chiara Andrich e Giovanni Pellegrini (Italia 2013, 60’); NIENTE STA SCRITTO di Marco Zuin (Italia 2017, 52'); MARISOL di Camilla Iannetti (Italia 2019, 52’); THE HARVEST di Andrea Paco Mariani (Italia 2017, 73’); PRENDERE LA PAROLA di Perla Sardella (Italia 2019, 47’).

Ogni documentario è accompagnato da schede tecniche di valutazione e da documenti utili all’approfondimento e alla riflessione: brevi talk con i registi e altri addetti ai lavori moderati dalla squadra di professionisti di Sole Luna oltre a documenti che consentono di acquisire maggiore consapevolezza su opportunità, diritti e garanzie offerte dall’Unione Europea.

 «Crediamo da sempre nell’importanza dell’educazione e del confronto con i più giovani – dice il direttore scientifico Gabriella D’Agostino – Sono loro i nostri interlocutori privilegiati. In queste settimane abbiamo ricevuto richieste da parte di tanti insegnanti che chiedono di aderire al percorso. Nelle prossime settimane caricheremo in piattaforma anche alcuni dei documentari premiati dalla giuria speciale delle scuole nelle diverse edizioni del Festival perché gli studenti che parteciperanno al FSE possano condividere gusti e sensibilità di loro coetanei ed essere incoraggiati a mettersi in gioco per la partecipazione alle giurie speciali delle prossime edizioni.»

Partecipare a FSE/Festival Socio Educational e usufruire del cloud è semplicissimo. L’accesso è riservato ai docenti che possono registrarsi sul sito www.solelunadoc.org, andando sull’apposita finestra FSE/Festival Socio Educational. Dopo aver completato la registrazione riceveranno una password di accesso per poter visionare i film e scaricare una serie di altri contributi video e info-grafiche.

Sole Luna – Un ponte tra le culture è un’associazione no – profit il cui principale scopo è quello di promuovere i valori di solidarietà e comunicazione tra i popoli attraverso il cinema del reale e il cinema indipendente e di valorizzare nuovi talenti anche attraverso percorsi formativi con professionisti affermati del settore.

Ufficio stampa  | Gioia Sgarlata

+39 331.4039019 | sgarlagioioia@gmail.com

Leggi di più...

“CINEMA IN CANTINA”, ULTIME DUE PROIEZIONI A RONCADE E SAN POLO DI PIAVE

L’8 SETTEMBRE ALLA CANTINA CASTELLO DI RONCADE THE GREAT GREEN WALL DI JARED P. SCOTT IL 10 SETTEMBRE ALL’AZIENDA AGRICOLA GIOL RES CREATA DI ALESSANDRO CATTANEO UN PROGETTO DI SOLE LUNA UN PONTE TRA LE CULTURE E CONSORZIO DI TUTELA DELLA DOC PROSECCO   Scarica Press Kit   Treviso, 06 settembre 2021. Ultima settimana di proiezioni ed ultimi posti disponibili per la quarta edizione di “Cinema in Cantina”, la rassegna che sposa film documentari e buon vino in alcune tra le più affascinanti aziende del Consorzio di tutela della Doc Prosecco in Veneto e Friuli di Venezia Giulia. Un progetto ideato dall’Associazione Sole Luna – Un ponte tra le culture per il Consorzio e focalizzato quest’anno sui temi della sostenibilità ambientale e del rapporto uomo-natura Mercoledì 8 settembre, la rassegna approderà a Roncade nella suggestiva cornice offerta dalla cantina Castello di Roncade con la sua villa pre-palladiana cinta da mura medievali e due giorni dopo, venerdì 10 settembre, si chiuderà a San Polo di Piave all’Azienda Agricola Giol nell’area della “Cantina Granda” dove è possibile ammirare, tra l’altro, Cripte di invecchiamento risalenti al 1427. Oltre agli organizzatori, alla serata finale sarà presente anche il regista milanese Alessandro Cattaneo, autore del film di Res Creata che chiude il cartellone di quest’anno. I film in programma parlano dell’attualità più stringente: i cambiamenti climatici e l’imperativo per l’uomo di intervenire e modificare i propri stili di vita riscoprendo ed entrando nuovamente in sintonia con la natura.  L’8 settembre The Great Green Wall di Jared P. Scott (Regno Unito 2019, 91’, Inglese sub ita) accende i riflettori sulla Grande Muraglia Verde dell’Africa. Un viaggio insieme al produttore esecutivo del film Fernando Meirelles e la musicista maliana Inna Modja per far conoscere l’ambizioso progetto in corso: un muro di alberi da far crescere attraverso l’intero continente allo scopo di combattere la siccità, la desertificazione e i cambiamenti climatici. Il 10 settembre con Res Creata di Alessandro Cattaneo (Italia 2019, 80’, Italiano) si torna nel continente europeo, in Italia, con un viaggio che inizia dalle montagne dell’Appennino Tosco-Emiliano dove un cantante iconico ha scelto di vivere il calore della stalla. L’autore e regista del film racconta questa e altre preziose storie di coesistenza tra uomo e natura, raccolte in altre parti del Paese, svelando ritratti inediti e affascinanti.   Il via, come sempre, alle 19,30 con la visita guidata alla cantina protagonista della serata e la degustazione delle eccellenze enologiche dell’azienda. A seguire, la proiezione del film in programma nel rispetto della normativa in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19. L’ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria, scrivendo a solelunafest@gmail.com o telefonando alle cantine: Castello di Roncade, 0422 708736; Azienda Agricola Giol, 0422 855032; Brevi sinossi dei film in programma: THE GREAT GREEN WALL di Jared P. Scott (Regno Unito 2019, 91′, inglese sub ita)  Il produttore esecutivo Fernando Meirelles e la musicista maliana Inna Modja ci conducono in un epico viaggio lungo la Grande Muraglia Verde dell’Africa, – l’idea ambiziosa di un muro di alberi da far crescere attraverso l’intero continente allo scopo di combattere la siccità, la desertificazione e i cambiamenti climatici. RES CREATA RES CREATA di Alessandro Cattaneo. Le montagne dell’Appennino tosco-emiliano e un cantante iconico che ha scelto di vivere il calore della stalla. Un vigneto nebbioso in cui risuona il battito d'ali di un falco seguito dal suo giovane amico. Il coraggio di cavalli e cavalieri che insieme si lanciano in corse acrobatiche nella Sardegna più remota. La spontanea processione umana in visita ad una balena arenata sulla battigia ed un filosofo che cerca di interpretare il mondo distaccandosi dalla visione antropocentrica. Serpi riconciliatrici in un rito religioso. Res Creata esplora l’antico, contraddittorio e variegato rapporto tra umano ed animale. Una relazione fatta di meraviglia, amore,  sfruttamento. Un viaggio originale attraverso atmosfere inedite, alla scoperta del valore di questa affascinante coesistenza. *** SOLE LUNA – UN PONTE TRA LE CULTURE. L’Associazione ‘Sole Luna – Un ponte tra le culture’ nasce con il preciso intento di avviare processi di amicizia e interscambio tra popoli. L’associazione presta particolare attenzione al linguaggio audiovisivo, strumento in grado di mostrare a un vasto pubblico il mondo vicino e lontano e di sensibilizzare su tematiche sociali e ambientali. Attività principale dell’associazione è il Sole Luna Doc Film Festival di Palermo che a luglio 2021 ha celebrato il suo sedicesimo anniversario e che dal 2014 vanta un’edizione autunnale anche a Treviso. L’associazione organizza, inoltre, rassegne di Cinema del reale con vari partner associativi ed enti tra cui gli Istituti di Cultura. Quattro anni fa ha ideato “Cinema in cantina” per il Consorzio di tutela del Prosecco Doc. Oggi, grazie al suo database di film (circa 10 mila) e di contatti, l’associazione è diventata un veicolo privilegiato per la promozione del cinema indipendente e di giovani registi emergenti. IL CASTELLO DI RONCADE, natura e bellezza al centro della città. Il Castello di Roncade, ricostruito nel 1508, è una delle rare ville pre-palladiane cinte da mura medievali. Sorge al centro della città di Roncade, nella campagna veneta tra Treviso e Venezia. Un maestoso complesso rinascimentale abitato per quattro secoli dalla famiglia Giustinian, i cui membri illustri l’hanno legata a doppio filo con la storia della Serenissima Repubblica di Venezia. La famiglia Ciani Bassetti, di antiche tradizioni agricole, ne ha rilevato la proprietà all’inizio del Novecento, con la ristrutturazione del Castello e il reimpianto dei vigneti. Questo luogo, tra i più interessanti di Treviso, negli anni ha alimentato la passione vinicola della famiglia e la continua ambizione di elevare la qualità dei vini prodotti. Negli ultimi anni la produzione è in continua crescita, la proprietà conta 110 ettari vitati, una moderna cantina per la vinificazione situata in Mogliano Veneto e l’originale bottaia per l’invecchiamento dei vini più pregiati. AZIENDA AGRICOLA GIOL, tradizione dal 1427. Dal 1427, nella tenuta Giol, uomini del vino si tramandano esperienza, tradizione e cultura locale del fare vino. Questa antica cantina di straordinario impatto emotivo, è un complesso non intaccato dal tempo che suggestiona e sorprende con una cornice di tigli e glicini secolari costeggiati da un ruscello d'acqua sorgiva. Esternamente la Cantina Grande si presenta come un grande edificio su due piani con una splendida muratura e la facciata su cui si apre l'ingresso ha una ricercata decorazione delle finestre con tessere in pietra a vista originarie del luogo; gli altri due lati invece si caratterizzano per la presenza di sassi di fiume a vista alternati a mattoni lavorati a mano. Durante la Prima Guerra Mondiale gli austriaci occuparono tutta la zona e fecero del Castello e delle Cantine un presidio militare. In quegli anni, intere forme di formaggio venivano nascoste all'interno delle botti per sottrarle alla confisca; da qui l'origine di un formaggio noto come l'ubriaco. A testimonianza del passaggio delle truppe rimangono, inoltre, i segni dei proiettili sparati contro alcune botti: fortunatamente il loro spessore era tale da resistere ai colpi di arma da fuoco salvaguardandone il contenuto.   Cinema in Cantina 2021 Cantine Prosecco Doc “Italian genio” Tra le province di Treviso e Pordenone 25 agosto -10 settembre Ore 19,30 -22,30 a cura di Sole Luna – Un ponte tra le culture direzione artistica Chiara Andrich, Andrea Mura organizzazione Sara Paris, Mavi Calcinotto Ufficio stampa Gioia Sgarlata   Info: www.solelunadoc.org | Fb: Sole Luna Festival | Instagram: solelunadoc -- Gioia Sgarlata +39 3314039019 sgarlagioia@gmail.com
Leggi di più...

“CINEMA IN CANTINA”, IL 3 SETTEMBRE ALLA CANTINA I MAGREDI, DOMANINS (PN)

IN PROGRAMMA IL FILM A PLASTIC OCEAN DI CRAIG LEESON UN PROGETTO DI SOLE LUNA UN PONTE TRA LE CULTURE E CONSORZIO DI TUTELA DELLA DOC PROSECCO PER RIFLETTERE SU SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E RAPPORTO UOMO –NATURA.   Scarica Press Kit   Treviso, 01 settembre 2021. Prosegue venerdì 3 settembre alla cantina I Magredi a Domanins, nel Pordenonese, la quarta edizione di “Cinema in Cantina”, la rassegna ideata dall’Associazione Sole Luna – Un ponte tra le culture per il Consorzio di tutela del Prosecco Doc e focalizzata quest’anno sui temi della sostenibilità ambientale e del rapporto uomo-natura. In programma, il film A Plastic Ocean del regista e giornalista australiano Craig Leeson: racconto del viaggio compiuto da Leeson in venti luoghi del pianeta per riprendere e far conoscere gli effetti devastanti della plastica negli oceani. Leeson aveva iniziato le riprese nel 2011 per realizzare un documentario sulla balenottera azzurra al largo dello Sri Lanka, dove le coste sono relativamente incontaminate, e qui si era imbattuto in acque invase da plastica. Ha così deciso di andare a fondo al problema coinvolgendo ricercatori, fondazioni e persone comuni con un lavoro d’inchiesta durato 4 anni. L’azienda vinicola I Magredi porta il nome della pianura friulana occidentale su cui si trova ed è frutto della passione della famiglia Tombacco. L’ha fondata nel 1968 Otello Tombacco, ora la conduce il figlio Michelangelo con la sua famiglia. La cantina si trova in un luogo paesaggistico unico, la “steppa pordenonese”, frutto di mutamenti geologici millenari. La filiera produttiva è interamente sostenibile. Il via, come sempre, alle 19,30 con la visita guidata alla cantina e la degustazione delle eccellenze enologiche dell’azienda. A seguire, la proiezione del film nel rispetto della normativa in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19. L’ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria, scrivendo a solelunafest@gmail.com o telefonando in cantina al numero  0427 94720. Breve sinossi del film in programma: A PLASTIC OCEAN di Craig Leeson (Regno Unito, Hong Kong, 2016, 102’).  Il giornalista e filmaker Craig Leeson,  conduce un'indagine relativa all'elevata presenza di plastica nei nostri oceani, approfondendo la questione relativa agli effetti devastanti dell'inquinamento ambientale. Un’inchiesta attorno al mondo durata 4 anni e che ha toccato 20 diversi luoghi. Dice nel film:  "La conoscenza porta l'interesse e con l'interesse avviene il cambiamento". *** SOLE LUNA – UN PONTE TRA LE CULTURE. L’Associazione ‘Sole Luna – Un ponte tra le culture’ nasce con il preciso intento di avviare processi di amicizia e interscambio tra popoli. L’associazione presta particolare attenzione al linguaggio audiovisivo, strumento in grado di mostrare a un vasto pubblico il mondo vicino e lontano e di sensibilizzare su tematiche sociali e ambientali. Attività principale dell’associazione è il Sole Luna Doc Film Festival di Palermo che a luglio 2021 ha celebrato il suo sedicesimo anniversario e che dal 2014 vanta un’edizione autunnale anche a Treviso. L’associazione organizza, inoltre, rassegne di Cinema del reale con vari partner associativi ed enti tra cui gli Istituti di Cultura. Quattro anni fa ha ideato “Cinema in cantina” per il Consorzio di tutela del Prosecco Doc. Oggi, grazie al suo database di film (circa 10 mila) e di contatti, l’associazione è diventata un veicolo privilegiato per la promozione del cinema indipendente e di giovani registi emergenti. I MAGREDI, nel segno della sostenibilità.  La fondazione de I Magredi risale al 1968,anno in cui l’imprenditore opitergino Otello Tombacco acquista la proprietà; oggi alla guida dell’azienda troviamo il figlio, Michelangelo Tombacco, insieme alla moglie Monica e alle figlie Giulia e Matilde. I Magredi non è solo il nome dell'azienda, ma anche della pianura friulana occidentale in cui questa è situata; un’estesa macchia sassosa levigata dal vento e dalle acque che rappresenta ad oggi uno degli ultimi esempi di paesaggio steppico. La sostenibilità ambientale distingue la filiera produttiva de I Magredi dal vigneto alla cantina,  cantina che si è negli anni rinnovata fino all’ultimo importante ampliamento del 2018. Per la famiglia Tombacco una terra non si può mai completamente possedere, si può nobilmente prendersene cura e custodirla per poterla un giorno tramandare alle generazioni Prossimo appuntamento in calendario: 8 settembre Castello di Roncade [via Roma 141, Roncade, Tv] The Great Green Wall di Jared P. Scott Regno Unito 2019, 91’ Inglese sub ita   Cinema in Cantina 2021 Cantine Prosecco Doc “Italian genio” Tra le province di Treviso e Pordenone 25 agosto -10 settembre Ore 19,30 -22,30 a cura di Sole Luna – Un ponte tra le culture direzione artistica Chiara Andrich, Andrea Mura organizzazione Sara Paris, Mavi Calcinotto Ufficio stampa Gioia Sgarlata   Info: www.solelunadoc.org | Fb: Sole Luna Festival | Instagram: solelunadoc -- Gioia Sgarlata +39 3314039019 sgarlagioia@gmail.com
Leggi di più...

“CINEMA IN CANTINA” L’1 SETTEMBRE ALLA CANTINA BIANCAVIGNA, CONEGLIANO (TV)

IN PROGRAMMA, IL SALE DELLA TERRA DI WIM WENDERS E JULIANO RIBEIRO SALGADO

UN PROGETTO DI SOLE LUNA UN PONTE TRA LE CULTURE E CONSORZIO DI TUTELA DELLA DOC PROSECCO

PER RIFLETTERE SU SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E RAPPORTO UOMO –NATURA.

ALLESTITA IN CANTINA PER L’OCCASIONE ANCHE LA MOSTRA BRAZIL: LAND OF THE FUTURE -

CONTEMPORARY ARTISTS FROM BRAZIL 2015 DELLA COLLEZIONE IMAGO MUNDI

Scarica Press Kit

 

Treviso, 30 agosto 2021. Prosegue mercoledì 1 settembre alla cantina BiancaVigna, a Conegliano, la quarta edizione di “Cinema in Cantina”, la rassegna ideata dall’Associazione Sole Luna – Un ponte tra le culture per il Consorzio di tutela del Prosecco Doc e focalizzata quest’anno sui temi della sostenibilità ambientale e del rapporto uomo-natura. In programma, il film Il Sale della terra di Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado, figlio e compagno di viaggi del grande fotografo brasiliano Sebastião Salgado: un giro del mondo attraverso le immagini scattate nel corso degli anni e la consacrazione dell’ambizioso progetto “Genesi”, avviato nel 2004 per presentare l’habitat e le comunità umane ancora intatte che osservano tradizioni ancestrali. Un viaggio per immagini e parole in varie parti del pianeta che diventa ancora più intimo e personale in Brasile dove dagli anni Novanta la famiglia Salgado è impegnata nel ripristino di una parte della foresta Atlantica. Al Brasile è dedicata anche la mostra Brazil: Land of the future della Collezione Imago Mundi di Luciano Benetton, visitabile durante la serata e per i due giorni seguenti su prenotazione telefonica o via email agli indirizzi della cantina: 215 opere di artisti contemporanei brasiliani realizzate, come le migliaia del progetto Imago Mundi, su mattonelle 10x12 cm.

Candidato agli Oscar come miglior documentario nel 2015, il film segna lo straordinario incontro tra il regista tedesco Wim Wenders e la famiglia Salgado e lancia un appello all’umanità affinché ritrovi l’armonia con la natura circostante. Una finestra sull’opera del maestro Salgado e sul suo impegno a favore dell’ambiente condiviso con la moglie Lélia: nel 1998 i Salgado sono riusciti, infatti, a trasformare una parte della foresta Atlantica in riserva naturale e hanno fondato l’Instituto Terra, una ONG dedita alla riforestazione, alla conservazione e all'istruzione. In riconoscimento alla loro attività presso l’Instituto Terra, nel 2012 Salgado e la moglie hanno ricevuto il premio dell’Instituto, dell’UNESCO Brasile e della Città di Rio de Janeiro, oltre al premio “Personalidade Ambiental” del WWF Brasile. A Sebastião Salgado sono state inoltre conferite numerose onorificenze: è Ambasciatore di Buona Volontà dell’UNICEF e membro onorario dell'Accademia americana delle arti e delle scienze.

I vini BiancaVigna, frutto della passione e del lavoro della famiglia Moschetta, impegnata a coltivare vigneti sin dai primi anni del ‘900, nascono in un luogo unico: le colline di questa parte del territorio trevigiano proclamato Patrimonio Unesco. Un testimone tramandato da padre in figlio che dalla fine degli anni ’90 è passato nelle mani dei fratelli Elena ed Enrico. L'azienda conta oggi oltre 30 ettari vitati, la maggior parte in collina nel territorio Unesco, coltivati seguendo il protocollo di produzione integrata Sqnpi ed in parte certificati biologici.

Il via, come sempre, alle 19,30 con la visita guidata alla cantina, la possibilità di visitare la mostra e la degustazione delle eccellenze enologiche dell’azienda. A seguire, la proiezione del film all’aperto e nel rispetto della normativa vigente in materia sanitaria.

L’ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria, scrivendo a solelunafest@gmail.com o telefonando in cantina al numero  0438 788403. Breve sinossi del film in programma: IL SALE DELLA TERRA di Wim Wenders, Juliano Ribeiro Salgado (Brasile, Italia, Francia, 2014, 100′, italiano).  Da quarant'anni a questa parte, il fotografo Sebastião Salgado viaggia in tutti i continenti della terra seguendo le tracce di un'umanità in costante mutazione. Dopo esser stato testimone dei principali eventi che hanno segnato la nostra storia recente – conflitti internazionali, carestie, esodi – si lancia adesso alla scoperta di territori inesplorati e paesaggi grandiosi, per incontrare la fauna e la flora selvagge in un grande progetto fotografico, "Genesi", che è un omaggio alla bellezza del pianeta. La vita e il lavoro di Sebastião Salgado ci vengono rivelati attraverso gli sguardi incrociati di  Wim Wenders, anch'egli fotografo e di suo figlio Juliano che lo ha accompagnato nei suoi ultimi viaggi. *** SOLE LUNA – UN PONTE TRA LE CULTURE. L’Associazione ‘Sole Luna – Un ponte tra le culture’ nasce con il preciso intento di avviare processi di amicizia e interscambio tra popoli. L’associazione presta particolare attenzione al linguaggio audiovisivo, strumento in grado di mostrare a un vasto pubblico il mondo vicino e lontano e di sensibilizzare su tematiche sociali e ambientali. Attività principale dell’associazione è il Sole Luna Doc Film Festival di Palermo che a luglio 2021 ha celebrato il suo sedicesimo anniversario e che dal 2014 vanta un’edizione autunnale anche a Treviso. L’associazione organizza, inoltre, rassegne di Cinema del reale con vari partner associativi ed enti tra cui gli Istituti di Cultura. Quattro anni fa ha ideato “Cinema in cantina” per il Consorzio di tutela del Prosecco Doc. Oggi, grazie al suo database di film (circa 10 mila) e di contatti, l’associazione è diventata un veicolo privilegiato per la promozione del cinema indipendente e di giovani registi emergenti. BIANCAVIGNA, una storia di famiglia. La famiglia Moschetta coltiva vigneti sulle colline del territorio proclamato Patrimonio Unesco sin dai primi del ’900. Alla fine degli anni ’90 i fratelli Elena ed Enrico rendono possibile il realizzarsi dell’ambizione di nonno e papà: una nuova cantina dove produrre vini e spumanti con le uve provenienti dai vigneti impervi coltivati con tanta caparbietà, grazie alla ventennale esperienza enologica di Enrico e alla visione imprenditoriale di Elena aiutati nella distribuzione italiana ed estera dal marito Luca Cuzziol. L'azienda conta oggi oltre 30 ettari vitati la maggior parte in collina nel territorio Unesco, coltivati seguendo il protocollo di produzione integrata Sqnpi ed in parte certificati biologici. BiancaVigna coltiva le proprie vigne portando nelle sue bottiglie qualcosa di ognuno di questi luoghi in un mix ideale di umori e sapori che sono lo specchio della propria storia. Tradizione e innovazione questo il motto della giovane azienda, che in pochissimi anni si è imposta per il rigore qualitativo e per la costanza produttiva con vini molto minerali, poco dosati e a alta espressività territoriale. La nuova cantina sorge sulle colline di Ogliano a Conegliano. Un edificio progettato e costruito in equilibrio con il paesaggio,  dentro e fuori, certificato CasaClima Wine. Frutto di un’architettura sostenibile, realizzata con materiali eco-compatibili e riciclati, nell’assoluto rispetto del territorio con l’utilizzo di fonti rinnovabili, riducendo al minimo il consumo energetico della struttura e dell’intero ciclo produttivo. Prossimo appuntamento in calendario: 3 settembre - I Magredi  [via del Sole 15, Domanins, Pn] A Plastic Ocean di Craig Leeson Regno Unito, Hong Kong, 2016, 102’ Inglese sub italiano

 

Cinema in Cantina 2021

Cantine Prosecco Doc “Italian genio”

Tra le province di Treviso e Pordenone

25 agosto -10 settembre

Ore 19,30 -22,30

a cura di Sole Luna – Un ponte tra le culture

direzione artistica Chiara Andrich, Andrea Mura

organizzazione Sara Paris, Mavi Calcinotto

Ufficio stampa Gioia Sgarlata

Info: www.solelunadoc.org | Fb: Sole Luna Festival | Instagram: solelunadoc

--

Gioia Sgarlata +39 3314039019 sgarlagioia@gmail.com
Leggi di più...

“CINEMA IN CANTINA” IL 27 AGOSTO ALLE CANTINE LA MARCA

“CINEMA IN CANTINA” IL 27 AGOSTO ALLE CANTINE LA MARCA PRESSO CASTELLO LUCHESCHI, COLLE UMBERTO (TV)

IN PROGRAMMA, IL FILM KENTANNOS DI VÍCTOR CRUZ

UN PROGETTO DI SOLE LUNA UN PONTE TRA LE CULTURE E CONSORZIO DI TUTELA DELLA DOC PROSECCO

PER RIFLETTERE SU SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E RAPPORTO UOMO - NATURA

 

Scarica Press Kit

 

Treviso, 25 agosto 2021. Prosegue venerdì 27 agosto alle cantine La Marca, a Colle Umberto, la quarta edizione di “Cinema in Cantina”, la rassegna ideata dall’Associazione Sole Luna – Un ponte tra le culture per il Consorzio di tutela del Prosecco Doc e focalizzata quest’anno sui temi della sostenibilità ambientale e del rapporto uomo-natura. In programma, il film Kentannos del regista argentino Víktor Cruz: un viaggio tra America Latina, Giappone e Italia per raccontare le storie di alcuni anziani alla soglia del primo secolo di vita e ancora appassionati nell’inseguire i propri sogni e desideri.

Sala d’eccezione di questo secondo appuntamento della rassegna, saranno gli spazi esterni del Castello Lucheschi sede dell’azienda La Marca con la sua straordinaria storia di cooperazione nata 53 anni fa e proseguita nel tempo coniugando tecniche d’avanguardia e sostenibilità. La società cooperativa, che oggi rappresenta 8 cantine e riunisce 5 mila soci, continua ad investire sull’utilizzo di fonti di energia rinnovabile per ridurre i consumi e sulla gestione responsabile del territorio.

Il via, come sempre, alle 19,30 con la visita guidata alla cantina e la degustazione delle eccellenze enologiche dell’azienda e, a seguire, la proiezione dei film.

L’ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria, scrivendo a solelunafest@gmail.com. Breve sinossi del film in programma: KENTANNOS di Víctor Cruz (Argentina, Italia 2019, 81′, spagnolo, sardo e portoghese). Girato tra Costa Rica, Giappone e Sardegna,  Kentannos intreccia emozioni e sfide quotidiane di alcuni giovani centenari che, alla soglia del primo secolo di vita – e talvolta anche oltre – non smettono di vivere in maniera straordinariamente normale, senza rinunciare ai propri desideri. In Costa Rica, la figlia di Pachito teme che a 98 anni il padre non sia più in grado di andare a cavallo, e cerca di proibirglielo; in Sardegna, Adolfo chiede come regalo per i suoi 93 anni di poter coronare il suo sogno di tutta la vita: pilotare un aeroplano; sull’isola di Okinawa, Tomi, 93 anni, fa parte di una famosa pop band, e continua ad andare in tournée in tutto il Giappone. Un film sulla passione di vivere che, con estrema tenerezza, ci ricorda che l’età è solo uno stato mentale. SOLE LUNA – UN PONTE TRA LE CULTURE L’Associazione ‘Sole Luna – Un ponte tra le culture’ nasce con il preciso intento di avviare processi di amicizia e interscambio tra popoli. L’associazione presta particolare attenzione al linguaggio audiovisivo, strumento in grado di mostrare a un vasto pubblico il mondo vicino e lontano e di sensibilizzare su tematiche sociali e ambientali. Attività principale dell’associazione è il Sole Luna Doc Film Festival di Palermo che a luglio 2021 ha celebrato il suo sedicesimo anniversario e che dal 2014 vanta un’edizione autunnale anche a Treviso. L’associazione organizza, inoltre, rassegne di Cinema del reale con vari partner associativi ed enti tra cui gli Istituti di Cultura. Quattro anni fa ha ideato “Cinema in cantina” per il Consorzio di tutela del Prosecco Doc. Oggi, grazie al suo database di film (circa 10 mila) e di contatti, l’associazione è diventata un veicolo privilegiato per la promozione del cinema indipendente e di giovani registi emergenti. LA MARCA, avanguardia e sostenibilità. La Marca inizia la sua storia nel 1968, grazie alla visione lungimirante di un gruppo di viticoltori trevigiani innamorati di questo territorio e all’unione delle loro esperienze ed energie. Punto di riferimento nella produzione vinicola e supporto tecnico commerciale per i produttori, oggi La Marca è una realtà enologica che rappresenta 8 cantine, 5000 soci e racchiude in sé circa 15.000 ettari di vigneto, prevalentemente coltivati a Glera, facendo convivere tecniche d’avanguardia e sostenibilità. Come cantina cooperativa la sostenibilità è un valore condiviso che influisce in tutte le strategie del gruppo e le ricadute dell’operare dell’azienda sulla comunità locale sono una responsabilità, ma anche un’opportunità che permette di poter incidere positivamente grazie anche agli investimenti e alle buone pratiche di lavoro. La Marca sta investendo per migliorare i consumi energetici in azienda con un maggior ricorso alle energie rinnovabili,  l’ottimizzazione delle risorse idriche e la sicurezza nell’ambiente di lavoro per i collaboratori. Con le cantine del gruppo si sta inoltre impegnando con sempre maggiore efficienza nella riduzione dell’impatto dei trattamenti nei vigneti. Attraverso l’attenzione per l’ambiente, la gestione responsabile del territorio e la tutela del reddito e del lavoro, La Marca punta a contribuire al benessere della comunità di cui fa parte, un valore ritenuto fondamentale per il miglioramento aziendale. Prossimo appuntamento in calendario: 1 settembre Biancavigna  [via Monte Nero 8, Conegliano, Tv] Il sale della terra di Wim Wenders, Giuliano Ribeiro Salgado Brasile, Italia, Francia, 2014, 100’ Italiano     Cinema in Cantina 2021 Cantine Prosecco Doc “Italian genio” Tra le province di Treviso e Pordenone 25 agosto -10 settembre Ore 19,30 -22,30 a cura di Sole Luna – Un ponte tra le culture direzione artistica Chiara Andrich, Andrea Mura organizzazione Sara Paris, Mavi Calcinotto Ufficio stampa Gioia Sgarlata   Info: www.solelunadoc.org | Fb: Sole Luna Festival | Instagram: solelunadoc -- Gioia Sgarlata +39 3314039019 sgarlagioia@gmail.com
Leggi di più...

“CINEMA IN CANTINA”, SI PARTE IL 25 AGOSTO DALLA CANTINA PIZZOLATO A VILLORBA (TV)

FILM DOCUMENTARI E BUON VINO PER RIFLETTERE SULLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE UN PROGETTO DI SOLE LUNA UN PONTE TRA LE CULTURE E CONSORZIO DI TUTELA DELLA DOC PROSECCO IN ALCUNE DELLE PIÙ BELLE VIGNE DEL TREVIGIANO E DEL PORDENONESE   Scarica Press Kit   Treviso, 23 agosto 2021. Inizia mercoledì 25 agosto dalla cantina Pizzolato, a Villorba, la quarta edizione di “Cinema in Cantina”, la rassegna ideata dall’Associazione Sole Luna – Un ponte tra le culture per il Consorzio di tutela del Prosecco Doc, focalizzata quest’anno sui temi della sostenibilità ambientale e del rapporto uomo-natura. A tenere a battesimo la rassegna sarà il regista naturalizzato trevigiano, Marco Zuin che presenterà il suo film Hoa (Vietnam 2018, 20’, italiano) e L’anno dei sette inverni, la serie digitale scritta da Matteo Righetto e diretta dallo stesso Zuin. Produzioni che parlano in maniera differente della natura che ci circonda e dei danni provocati dall’uomoHoa è il nome di una guaritrice appartenente alla minoranza etnica Dao. Vive in un villaggio del Vietnam del Nord e continua a trasmettere l’antica tradizione femminile delle pratiche fitoterapiche mentre tutt’attorno le foreste sono minacciate dalla deforestazione. Con L’anno dei sette inverni, invece, ci spostiamo in Italia, nel borgo dolomitico di Colle Santa Lucia nel Fodòm durante i lunghi mesi della pandemia. La cantina Pizzolato vanta cinque generazioni di storia e tradizioni e un lungo impegno, a partire dagli anni Ottanta, nella produzione biologica e nella costruzione di una filiera biologica al 100%: dalla coltivazione delle uve al packaging passando per la cantina realizzata in bioedilizia e diventata da tempo luogo di incontro e cultura. Il format è quello consolidato negli anni scorsi: inizio alle 19,30 con visita guidata alla cantina e degustazione delle eccellenze enologiche delle aziende e, a seguire, la proiezione dei film. L’ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria, scrivendo a solelunafest@gmail.com o telefonando a Cantina Pizzolato, tel. 0422 928166. Brevi sinossi dei film in programma: HOA di Marco Zuin (Vietnam 2018, 20′, italiano). Hoa, guaritrice appartenente alla minoranza etnica Dao, vive in un villaggio nel Vietnam del Nord. Hoa continua a trasmettere l’antica tradizione femminile delle pratiche di fitoterapiaentre mentre le foreste sono minacciate dalla deforestazione a causa del rapido sviluppo. L’ANNO DEI SETTE INVERNI di Matteo Righetto, regia Marco Zuin (Italia, 2020, italiano) in collaborazione con Teatro Stabile del Veneto. Produzione digitale del Teatro Stabile del Veneto, racconta il periodo di isolamento trascorso dallo scrittore padovano nel borgo dolomitico di Colle Santa Lucia nel Fodòm, durante i lunghi mesi della pandemia. **** SOLE LUNA – UN PONTE TRA LE CULTURE L’Associazione ‘Sole Luna – Un ponte tra le culture’ nasce con il preciso intento di avviare processi di amicizia e interscambio tra popoli. L’associazione presta particolare attenzione al linguaggio audiovisivo, strumento in grado di mostrare a un vasto pubblico il mondo vicino e lontano e di sensibilizzare su tematiche sociali e ambientali. Attività principale dell’associazione è il Sole Luna Doc Film Festival di Palermo che  a luglio 2021 ha celebrato il suo sedicesimo anniversario e che dal 2014 vanta un’edizione autunnale anche a Treviso. L’associazione organizza, inoltre, rassegne di Cinema del reale con vari partner associativi ed enti tra cui gli Istituti di Cultura. Quattro anni fa ha ideato “Cinema in cantina” per il Consorzio di tutela del Prosecco Doc. Oggi, grazie al suo database di film (circa 10 mila) e di contatti, l’associazione è diventata un veicolo privilegiato per la promozione del cinema indipendente e di giovani registi emergenti. PIZZOLATO, La cantina dalle radici bio  Cinque generazioni di storia e tradizioni, un lungo impegno nella produzione biologica fin dagli anni ’80, rispettando la genuinità del vino e l’alta qualità delle uve, la cui certificazione è arrivata nel 1991. Queste sono le salde radici a cui la famiglia Pizzolato è legata e sulle quali si basa la filosofia produttiva dell’azienda. Settimo Pizzolato è stato uno dei primi produttori di vino a scegliere una gestione biologica, vegan e sostenibile, allo scopo di produrre dei vini che incontrino le aspettative dei consumatori particolarmente attenti alla salute e che vengano prodotti con uve cresciute in un ambiente incontaminato, senza l’uso di prodotti chimici o di origine animale.  Un’azienda familiare, leader in Italia per la produzione di vino biologico, che conta più di 7 milioni di bottiglie certificate con un export del 93%. Una cantina costruita in bioedilizia, in continuo movimento, con eventi e  manifestazioni, punto di riferimento di Treviso e aperta al pubblico e ai suoi visitatori, i quali possono toccarla con mano attraverso i Bio tour e le degustazioni guidate dallo staff, oltre che visitare i vigneti biologici attraverso la Bio Pedalata, per gli appassionati di bicicletta. Un’azienda il cui focus è la continua ricerca e le sperimentazioni, oggi, dei vitigni resistenti verso un’agricoltura 100% sostenibile, oltre il biologico e la ricerca  attenta di un packaging sostenibile per i propri vini. Prossimo appuntamento in calendario   27 agosto -  La Marca – Castello Lucheschi  [via Contesse 1, Colle Umberto, Tv] Kentannos di Victor Cruz Argentina, Italia 2019, 81’ Spagnolo, sardo e portoghese     Cinema in Cantina 2021 Cantine Prosecco Doc “Italian genio” Tra le province di Treviso e Pordenone 25 agosto -10 settembre Ore 19,30 -22,30 a cura di Sole Luna – Un ponte tra le culture direzione artistica Chiara Andrich, Andrea Mura organizzazione Sara Paris, Mavi Calcinotto   Info: www.solelunadoc.org | Fb: Sole Luna Festival | Instagram: solelunadoc   UFFICIO STAMPA Sole Luna - Un ponte tra le culture Gioia Sgarlata | +39 3314039019 | sgarlagioia@gmail.com
Leggi di più...

DAL 25 AGOSTO TORNA “CINEMA IN CANTINA”. SEI APPUNTAMENTI CON IL CINEMA DEL REALE E IL BUON VINO PER RIFLETTERE SU AMBIENTE E RAPPORTO UOMO-NATURA

UN PROGETTO DI SOLE LUNA UN PONTE TRA LE CULTURE E CONSORZIO DI TUTELA DELLA DOC PROSECCO IN ALCUNE DELLE PIÙ BELLE VIGNE DEL TREVIGIANO E DEL PORDENONESE Press kit.(FOTO HD) Treviso, 17 agosto 2021. Guardare un film dopo aver sorseggiato un bicchiere di vino e gustato prelibatezze locali. Addentrarsi, attraverso il Cinema del reale, nelle storie del nostro tempo e conoscere da vicino il lavoro delle aziende vinicole a tutela del territorio e della qualità delle produzioni. Torna dal 25 agosto al 10 settembre “Cinema in Cantina”,  la rassegna ideata dall’Associazione Sole Luna – Un ponte tra le culture per il Consorzio di tutela del Prosecco Doc e giunta quest’anno alla quarta edizione. Sei serate in altrettante cantine tra Veneto e Friuli Venezia Giulia seguendo il format sperimentato con successo negli anni scorsi: inizio alle 19,30 con visita guidata alla cantina e degustazione delle eccellenze enologiche delle aziende e, a seguire, la proiezione di film legati tra loro da un tema sempre diverso. Comun denominatore della rassegna 2021 sarà l’Ambiente con le sue incredibili meraviglie e l’esigenza, non più procrastinabile, di cambiare stili di vita, sposando modelli e pratiche sostenibili. Un viaggio avvincente insieme a sei film di registi affermati, provenienti da varie parti del mondo: Marco Zuin (Italia), Alessandro Cattaneo (Italia), Victor Cruz (Argentina) Wim Wenders (Germania), Craig Leeson (Australia) e Jared  P. Scott (America).Le proiezioni si svolgeranno in spazi suggestivi: all’aperto tra le vigne o all’interno tra le botti e i locali di alcune aziende produttrici di Prosecco Doc disseminate nel Trevigiano, in Veneto, e nel Pordenonese, in Friuli di Venezia Giulia: Cantina Pizzolato a Villorba (Treviso), La Marca a Colle Umberto (Treviso), Biancavigna a Conegliano (Treviso), I Magredi a Domanins (Pordenone), Castello di Roncade (Treviso), Cantine Giol a San Polo di Piave (Treviso). «L’edizione 2021 di Sole Luna Doc Film Festival – dice Lucia Gotti Venturato, presidente dell’Associazione Sole Luna – ha avuto come focus l’ambiente. Proseguiamo su questa strada con Cinema in Cantina, trovando nel Consorzio di tutela del Prosecco Doc un partner che condivide l’urgenza e la centralità di questo tema.» «Abbiamo selezionato documentari che raccontano da angolazioni differenti e attraverso storie individuali affascinanti, non solo i danni e i pericoli che l’alterazione dell’equilibrio uomo-natura determina per l’ambiente e le nuove generazioni, ma anche saperi e buone pratiche – spiegano i curatori artistici della rassegna Chiara Andrich e Andrea Mura - Con la rassegna Cinema in Cantina 2021 avremo la possibilità di scoprire nuove possibilità, riflettere e confrontarci nell’atmosfera suggestiva ed inconsueta delle cantine vinicole, attraverso le narrazioni documentarie: dal rapporto uomo-animale all’inquinamento dei mari, dalla vita dei centenari giapponesi alle pratiche della fitoterapia in Vietnam, fino all’impegno di due artisti Sebastião Salgado e Inna Modja per avere un mondo migliore.» «Anche quest’anno prosegue il progetto Cinema in Cantina  - afferma Stefano Zanette, presidente della Doc Prosecco - vedendo rinnovata la collaborazione tra il Consorzio di tutela del Prosecco Doc e l’Associazione Sole Luna – Un ponte tra le culture, a dimostrazione che il sodalizio tra i due partner funziona molto bene. L’ampio consenso di pubblico, con serate che registrano sempre il tutto esaurito, e il crescente interesse sui temi - mai banali - trattati nelle singole serate, sottolineano la potenza del connubio tra il mondo della cultura e il mondo agroalimentare e la capacità attrattiva degli eventi conviviali, accompagnati da stimoli di grande valore artistico-culturale, verso il pubblico più diversificato.» Il via il prossimo 25 agosto dalla Cantina Pizzolato a Villorba (Tv) alla presenza del regista naturalizzato trevigiano Marco Zuin. In programma, il documentario Hoa, Storia di una Guaritrice (Vietnam 2018, 20’) sulle pratiche tradizionali della fitoterapia in Vietnam e L’anno dei Sette inverni, la serie digitale prodotta da Teatro Stabile del Veneto per raccontare il periodo d’isolamento durante il Covid dello scrittore padovano Matteo Righetto, diretta sempre da Zuin (Italia, 2020). Ultima tappa sarà il 10 settembre nella tenuta Giol a San Polo di Piave (Tv) con il film Res Creata di Alessandro Cattaneo (Italia, 2019, 80’), viaggio originale alla scoperta dell'antico, contraddittorio e variegato rapporto tra essere umano ed animale. L’ingresso a tutte le serate è gratuito con prenotazione obbligatoria, scrivendo a solelunafest@gmail.com o telefonando alle singole cantine. Questo, il programma completo: 25 agosto - Cantina Pizzolato  [via IV Novembre 12, Villorba, Tv] Hoa di Marco Zuin Vietnam 2018, 20’, italiano L’anno dei Sette inverni di Matteo Righetto, regia Marco Zuin Italia, 2020, italiano   27 agosto -  La Marca – Castello Lucheschi  [via Contesse 1, Colle Umberto, Tv] Kentannos di Victor Cruz Argentina, Italia 2019, 81’ Spagnolo, sardo e portoghese   1 settembre Biancavigna  [via Monte Nero 8, Conegliano, Tv] Il sale della terra di Wim Wenders, Giuliano Ribeiro Salgado Brasile, Italia, Francia, 2014, 100’ Italiano   3 settembre - I Magredi  [via del Sole 15, Domanins, Pn] A Plastic Ocean di Craig Leeson Regno Unito, Hong Kong, 2016, 102’ Inglese sub ita   8 settembre Castello di Roncade [via Roma 141, Roncade, Tv] The Great Green Wall di Jared P. Scott Regno Unito 2019, 91’ Inglese sub ita   10 settembre - Cantine Giol  [Viale della Repubblica 1/6, San Polo di Piave, Tv] Res Creata di Alessandro Cattaneo Italia 2019, 80’ Italiano Cinema in Cantina 2021 Cantine Prosecco Doc “Italian genio” Tra le province di Treviso e Pordenone 25 agosto -10 settembre Ore 19,30 -22,30 a cura di Sole Luna – Un ponte tra le culture direzione artistica Chiara Andrich, Andrea Mura organizzazione Sara Paris, Mavi Calcinotto   -- Gioia Sgarlata +39 3314039019 sgarlagioia@gmail.com
Leggi di più...

16. SOLE LUNA DOC FILM FESTIVAL Premio come miglior film a Il mio Corpo di Michele Pennetta, Miglior corto, The Golden Buttons di Alex Evstigneev

Immagini di copertura per le TV

Palermo, 12 luglio 2021

16. SOLE LUNA DOC FILM FESTIVAL

Premio come miglior film a Il mio Corpo di Michele Pennetta, Miglior corto, The Golden Buttons di Alex Evstigneev

Dalla Sicilia alla Russia: la giuria internazionale sceglie due storie che parlano di adolescenti e vite sospese

A Black Jesus  di Luca Lucchesi conquista il voto degli studenti e il premio Soundrivemotion per il sound e le musiche originali di Roy Paci

Due film che raccontano le esistenze in bilico di adolescenti in angoli diversi del mondo: dalla Sicilia più emarginata alla Russia militare. La giuria internazionale del 16esimo Sole Luna Doc Film festival ha decretato ieri sera i film vincitori di quest’anno. Il premio come miglior documentario è andato a Il mio corpo di Michele Pennetta che racconta le vite sospese di un adolescente siciliano, Oscar, e di Stanley, giovane nigeriano, e che ottiene anche una menzione speciale come miglior montaggio. Il premio per il miglior cortometraggio è andato a The Golden Buttons di Alex Evstigneev, premiato anche dalla Giuria Nuovi Italiani, che riesce a mostrare l’addestramento a cui tanti adolescenti russi si sottopongono iscrivendosi volontariamente alla scuola presidenziale dei cadetti per poter servire un giorno nella Guardia Nazionale voluta da Putin.

Conquista il premio Soundrivemotion per il sound e la migliore colonna sonora originale firmata da Roy Paci, il film A Black Jesus di Luca Lucchesi, proiettato per la prima volta in Italia su grande schermo proprio al Sole Luna e giudicato il “Miglior film” di questa edizione dalla giuria degli Studenti. Il pubblico ha invece premiato il film The village resists di David Bert e Joris Dhert.

Il miglior documentario ha ricevuto un premio di 3 mila euro finanziato da Fondazione Sicilia. Al miglior cortometraggio è andato il premio di 300 euro sostenuto dal Museo Internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino. Il vincitore del premio Soundrivemotion, ideato da Joe Schievano, ha ricevuto una strumentazione tecnica per la registrazione dei suoni ambientali.

«È stato un onore per noi poter ospitare quest’anno tante anteprime internazionali e nazionali: film che erano rimasti nei cassetti a causa del Covid e che adesso iniziano il loro percorso nei festival», dicono i direttori artistici Chiara Andrich e Andrea Mura. È il caso del corto- rivelazione The Golden Buttons presentato in anteprima italiana: potente tanto nei contenuti quanto nel registro narrativo. È un’anteprima siciliana, invece, Il mio corpo di Michele Pennetta girato in Sicilia e prodotto da Kino Film in co-produzione con Close Up Films, RSI radiotelevisione svizzera e Rai Cinema. Presentato in anteprima assoluta nel 2020 a Visions du Réel, il film ha già conquistato la critica internazionale per la sua poetica e la forza del racconto. A ritirare il premio per il miglior documentario, Stanley Abhulimen.

«Questo premio è una grande gioia per me. ...Avrei tanto voluto essere presente», ha detto nel video messaggio il regista Michele Pennetta, in partenza per il Festival di Cannes dove tra qualche giorno Il mio corpo sarà proiettato nell’ambito dell’Acid Cannes. «Conosco la Sicilia da tanto tempo ed è per me un onore che il film riceva un premio in quest’Isola per un film girato qui», ha aggiunto Paolo Ferrari, direttore della fotografia. Ha ringraziato in video messaggio anche Alex Evstigneev, autore di The Golden Buttons. Il premio per la colonna sonora e il premio della giuria degli studenti al film A Black Jesus sono stati consegnati dagli stessi studenti e da Joe Schievano sabato sera al regista Luca Lucchesi e a Roy Paci.

«Per il Festival – dice Lucia Gotti Venturato, presidente dell’Associazione Sole Luna. Un ponte tra le culture – questo è un anno di svolta. Insieme alla direzione artistica e alla direzione scientifica del Festival abbiamo scelto di consolidare le collaborazioni con altri Festival e mettere al centro di questa e delle prossime edizioni il tema dell’Ambiente. Inoltre, insieme ad Enel Green Power, nostro main sponsor, abbiamo deciso di rafforzare il nostro impegno sul fronte della produzione documentaria dedicata alla transizione ecologia e alle energie rinnovabili». «È stata un’edizione ricca di nuovi legami e di giovani – dice il direttore scientifico Gabriella D’Agostino - Giovani delle scuole che da quest’anno arrivano anche da fuori Palermo, giovani volontari giunti al festival anche dall’estero e giovani universitari, italiani e non,  interessati ai temi che caratterizzano la nostra rassegna: diritti umani, ambiente, migrazioni, inclusione. Restiamo convinti che questa sia la strada giusta per sensibilizzare e far maturare una coscienza più consapevole della realtà che ci circonda e del tempo che viviamo».

La giuria internazionale composta da Pierfrancesco Li Donni, regista vincitore della scorsa edizione del Sole Luna; Ian Brennan, musicista e produttore musicale, premiato ai Grammy Awards; Lamia Belkaied Guiga, critica cinematografica e direttrice dell’École supérieure de l’audiovisuel et du cinéma (Università di Cartagine, Tunisia); Marilena Delli Umuhoza, fotografa, regista e autrice di libri sul razzismo (l’ultimo: Negretta. Baci razzisti, Red Star Press, 2020); e Nadeesha Dilshani Uyangoda, scrittrice e giornalista freelance per testate internazionali come Al Jazeera EnglishThe Telegraph e Open Democracy, specializzata in questioni relative alle migrazioni e, in particolare, alle cosiddette seconde generazioni, ha assegnato anche una serie di menzioni speciali:

per la regia al film Fiancées di Julia Bünter

per la fotografia al film  Rhythms of Lost Time di Anisa Sabiri

per il montaggio al film Il mio corpo di Michele Pennetta

per il sound al film A black Jesus di Luca Lucchesi

«Abbiamo lavorato bene – dice a nome di tutti i giurati Nadeesha Dilshani Uyangoda, componente della giuria internazionale – Ci siamo ritrovati sulla gran parte delle valutazioni e anche quando non è stato così, siamo arrivati facilmente ad una sintesi, facilitati dall’alta qualità dei film in concorso».

Altre menzioni speciali sono state assegnate dalla giuria degli Studenti al film I, Mary di Aliki Saragas e dalla giuria Nuovi Italiani al corto Memory of the land di Samira Badran

A seguire le motivazioni complete delle giurie:

GIURIA INTERNAZIONALE

BEST DOC - Il mio corpo Per aver saputo dar voce a dei mondi sommersi che vivono sospesi ai margini del nostro tempo, restituendo uno spaccato umano capace di fotografare il tempo sospeso della vita. Per aver rimesso al centro corpi marginalizzati e dimenticati. In onore delle migliaia di persone che sono morte tentando di raggiungere queste coste.

____________________________ 

BEST SHORT - The golden buttons

Come in thriller il film fa luce su uno dei lati oscuri della Russia contemporanea indagando con ritmo, immagine e suggestione il mondo-bambino schiacciato da militarismo e propaganda.  Il regista utilizza con sapienza limiti logistici per un vantaggio artistico e, dunque, crea un'opera che senza quegli ostacoli e la sua risposta a essi non sarebbe stata possibile.

_____________________________

Menzione BEST DIRECTING - FIANCÉES

Per la rara intimità catturata dalla camera, Fiancées, la regista Julia Bünter ha eccelso nel conquistare la fiducia dei suoi soggetti e nel presentare momenti indimenticabili che sono oro cinematografico. Il suo lavoro empatico la mette nella stimata tradizione del cinema diretto e di artisti di documentari leggendari come i fratelli Maysles, Agnès Varda, D.A. Pennebaker e Barbara Kopple. ______________________________

Menzione BEST PHOTOGRAPHY - Rhytms of lost time

Per la qualità della forma, la giusta distanza tra il narratore e la narrazione: in Rhythms of Lost Time il dop Alexey Venzos ha ritratto con sensibilità non solo le persone ma anche la loro cultura, traducendo emozioni sulla vita e sulla morte.

_______________________________

Menzione BEST EDITING - Il mio corpo

Per la forza della narrazione e delle emozioni interiori, Orsola Valenti e Damian Plandolit hanno creato in Il mio corpo, un equilibrio tra due mondi paralleli abitati da persone che hanno resistito situazioni difficili in tempi difficili.

__________________________________

BEST SOUND – A black Jesus

Dall'inizio del film la musica si presenta in modo importante come trait d'union della storia, e crea una narrazione usando linguaggi a volte drammatici, nostalgici, ma anche ironici e gaudenti, creando un percorso di emozioni che si integrano molto bene con il suono ambientale e la grande presenza della musica diegetica.

Un sapiente mix di musica originale, di musica ripresa dall'ambiente e di sound design.

__________________________________

GIURIA STUDENTI

I membri della Giuria speciale, composta da studenti e studentesse del Liceo Scientifico Statale Albert Einstein di Palermo, dell'Istituto Magistrale Statale Camillo Finocchiaro Aprile di Palermo e dell’Istituto di istruzione superiore Abramo Lincoln di Enna, in seguito ad una attenta e appassionata visione, decretano quale miglior documentario della XVI edizione del Sole Luna Doc Film Festival, A Black Jesus di Luca Lucchesi, con le seguenti motivazioni:

  • Per l’originale sceneggiatura e montaggio che hanno permesso di affrontare tematiche quali il razzismo e la xenofobia in un’ottica totalmente rivoluzionaria e innovativa, rendendo il documentario coinvolgente;
  • Per la grandiosa colonna sonora che accompagna tutto il film composta dalle musiche di Roy Paci, dalla corale presenza del paese di Siculiana che si consegna allo spettatore attraverso le numerose e evocanti voci senza volto, dalle meravigliose e tipiche melodie siciliane che hanno contribuito ad amplificare l'identificazione geografica dell’intero documentario;
  • Per la splendida fotografia che, tramite l’intervallarsi di campi medi, lunghi e vari piani, oltre che per la vividezza dei colori, è riuscita a narrare essenziali aspetti della terra siciliana e della sua storia.
  • Per la scelta di descrivere attraverso le contraddizioni dei personaggi il difficile rapporto tra le nuove esigenze di integrazione e una Sicilia chiusa in se stessa e nella sua povertà, nonostante una tradizione di apertura culturale rappresentata dal Gesù Nero.
  • Per la scelta valoriale del regista di manifestare con grande rispetto per le altrui posizioni la sua opposizione ad una politica populista ed inconcludente, che utilizza altri esseri umani come strumento di propaganda soffiando sul fuoco del razzismo._______________

I membri della Giuria speciale delle scuole attribuiscono, inoltre, una menzione speciale al documentario I, Mary di Aliki Saragas-Georgiou per le seguenti motivazioni:

  • Per la sceneggiatura che, attraverso la vita di Mary, donna resiliente e generosa, è riuscita a far conoscere a noi giovani la difficile vita delle persone albine nel Sudafrica.
  • Per la forza del documentario nello spingere gli spettatori a interrogarsi sul ruolo e le funzioni che le tradizioni giocano all’interno di una comunità e delle loro potenziali conseguenze discriminatorie per alcuni suoi membri.
  • Per la forza morale ed esistenziale della protagonista che la rendono un esempio di essere umano in grado di sopportare il peso delle discriminazioni, della solitudine, anche intrafamiliare, senza mai smettere di lottare per costruire una coscienza in altre persone sottoposte a simili umiliazioni e provare a creare un mondo più rispettoso della diversità umana.
  • Per l’accurato e simbolico montaggio che, attraverso una delicata composizione di scene di vita vissuta e di interviste alla protagonista, provoca una risposta fortemente empatica negli spettatori.
  • Per aver mostrato l’innovativa funzione di Internet nella vita della ragazza, attraverso la quale Mary è riuscita a esprimere se stessa e denunziare pubblicamente le forme di discriminazione a cui gli albini sono, ancora oggi, sottoposti.

__________________________________

GIURIA NUOVI ITALIANI

La giuria composta da: Priyanka Datta, Amadou Diallo, Saifoudiny Diallo, Bandiougou Diawara, Gian Matteo Marie.

BEST FILM: The golden buttons

il film riesce a offrire uno sguardo intimo su una accademia militare, in modo originale, sorprendendo con scene di dolcezza, emozioni e sensibilità diverse da ciò che si aspetterebbe pensando all’esercito personale di Putin. La storia è raccontata attraverso gli scatti e le inquadrature della macchina fotografica, offrendo storie e immagini nascoste, ma di facile comprensione. Infine, la musica completa la storia ei sentimenti del film.

__________________________________

MENZIONE SPECIALE Memory of the land riceve la menzione speciale per la trama coinvolgente e appassionante. Le gambe diventano protagoniste, simboleggiando tutto il mondo e la storia, e cosi il film riesce perfettamente a trasmettere perfettamente le emozioni connesse alla repressione e alla violenza. Le animazioni sono fatte molto bene, in particolare nel contrasto tra le immagini fredde fisse e quelle calde in movimento, e nell’equilibrio tra immagini o video reali e disignati. Il documentario assume un punto di vista neutrale, che può rappresentare tutti, non solo un un'etnia o un paese, infatti attraverso questi disegni e movimenti possono essere raccontate molte altre storie e tragedie.

  ------------------------ Sole Luna Doc Film Festival, organizzato dall’Associazione Sole Luna Un Ponte tra le Culture ha ricevuto anche quest’anno la Medaglia del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il patrocinio del Ministero della Cultura e del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, dell’Università di Palermo, della Società Italiana di Antropologia Culturale. Il Festival è sostenuto dalla Regione Sicilia – Assessorato Turismo Sport e Spettacolo - con l’APQ “Sensi Contemporanei”; dalla Presidenza dell’Ars; da Fondazione Sicilia; da SoundrivEmotion; da Fondazione Ignazio Buttitta; da Museo Pasqualino; da CSC – Scuola internazionale di Cinema Sede Sicilia. Main Sponsor: Enel Green Power. Sponsor: Aon, Alessi, Gesap. Ufficio Stampa #SLDFF Gioia Sgarlata | sgarlagioia@gmail.com | 331.4039019 Programma completo e info prenotazioni su: www.solelunadoc.org facebook: Sole luna festival | instagram: @solelunadoc
Leggi di più...

Il programma di sabato 10 e domenica 11 luglio. Domani gli ultimi film: dall’anteprima in concorso A Black Jesus di Luca Lucchesi al fuori concorso The Great Green Wall di Jared P.Scott, agli ultimi titoli di Sicilia Doc

E ancora: Kid’s corner, lo spazio dedicato a genitori e bambini con Alessandra Amorello e @increlibrile, il talk “Il razzismo nei mass media” con Marilena Delli Umuhoza e Ian Brennan

Domenica premiazione dei film vincitori e spazio al progetto Justice for di Raizes Teatro con l’anteprima nazionale dello spettacolo Free to be di Alessandro Lenzi dedicato a Patrick Zaiki ed altri attivisti nel mondo

Complesso Monumentale dello Steri |5 - 11 luglio

Ultimi giorni del 16esimo Sole Luna Doc Film Festival in corso al Complesso Monumentale dello Steri. Le giurie sono già al lavoro per scegliere i vincitori di quest’anno e domani, 10 luglio, sarà l’ultima serata di proiezioni. Al Cortile Abatelli alle 21, l’ultimo titolo in concorso: l’anteprima nazionale A Black Jesus (Germania, 2020, 92’) del regista di origini palermitane Luca Lucchesi presente al festival insieme a Roy Paci che ha composto le musiche del documentario. Il film è stato girato in Sicilia, a Siculiana, dove la popolazione venera da secoli la statua di un Gesù nero. Quando Edward, diciannovenne ghanese ospite del contestato centro di accoglienza del paese, chiede di partecipare alla processione annuale e di sollevare la vara del Cristo nero insieme ai portatori locali, la comunità si trova di fronte ad un bivio. Il film aprirà le proiezioni al Cortile Abatelli alle 21. Alle 22,30 sarà la volta dell’ultimo film di Ambiente Doc: Il produttore esecutivo Fernando Meirelles e la musicista maliana Inna Modja conducono lo spettatore in un epico viaggio lungo la Grande Muraglia Verde dell’Africa, – l’idea ambiziosa di un muro di alberi da far crescere attraverso l’intero continente allo scopo di combattere la siccità, la desertificazione e i cambiamenti climatici.

Sabato 10 luglio, il Festival si aprirà alla Sala delle Verrifiche alle 17:00 all’insegna dei più piccoli con Kid’s Corner, un laboratorio ludico di scrittura araba con la proiezione de “I racconti di Giufà”, racconto audiovisivo dell’arabista Alessandra Amorello. Attraverso le storie di Giufà, Amorello fa conoscere l’italiano ai bambini stranieri e l’arabo ai bambini italiani, creando un ponte tra culture differenti.

Contemporaneamente Marzia Raimondo, nota sui social, come @increlibrile terrà un breve incontro sulla letteratura inclusiva per l’infanzia dedicato alle mamme e ai papà. Con consigli di lettura per aiutarli nella scelta delle storie da proporre ai figli.

A partire dalle 18 si animerà anche il Cortile Steri con l’incontro dedicato alle giurie speciali del Festival, per capir chi sono  e come lavorano: la giuria delle scuole, composta da studenti di scuola superiore (III C del Liceo scientifico Einstein di Palermo; IV E Istituto Magistrale Finocchiaro Aprile di Palermo; e IV C dell’Istituto Abramo Lincoln di Enna) e la giuria Nuovi Italiani curata quest’anno  dalla redazione IlMediterraneo.it, nuova rivista online con una vocazione verso il sociale formata da palermitani e migranti. Fanno parte della giuria: Priyanka Datta, Amadou Diallo, Saifoudiny Diallo, Bandiougou Diawara, Gian Matteo Marie.  Alle 21 è in programma il talk “Il razzismo nei mass media”, a confrontarsi tra loro e dialogare con il pubblico: Marilena Delli Umuhoza  e Ian Brennan, coppia nel lavoro e nella vita. Marilena Delli Umuhoza e Ian Brennan lavorano da oltre dieci anni ad album di successo internazionale con artisti di strada dai paesi meno rappresentati del mondo. L’incontro si concluderà con la proiezione di scatti di Marilena Delli Umuhoza e filmati dalle aree più remote del mondo e musicalmente “invisibili”, esemplificativi del metodo di lavoro di Brennan, della sua idea di libertà espressiva e dei suoi interlocutori privilegiati: venditori di topi, prigionieri, gruppi ostracizzati e molti altri. Chiudono gli ultimi due film di Sicilia Doc: Una strada tutta diversa di Teresa De Benedittis (Italia 2020, 8’) e Oscar di Silvia Miola (Italia, 2020, 60’).

La Sala delle Verifiche ospiterà la rassegna Film for Our Future con i film: A Fistful of Rubbish di David Regos (Spagna. 2019, 14′); Bacha di Atana Agrba (Russian Federation 2019, 20′); Blind Sushi di Eric Heimbold (Canada 2017, 17′); Patchwork di Maria Manero Muro (Spagna 2018, 8′); No Bad Endings di Ziv Hermelin-Shadar (Israele 2019, 12′);  XYZ[T] di Bilal Uğur Liman (Turchia 2019, 3′). La rete di festival Film For Our Future mira a creare un impatto coinvolgendo attivamente i giovani registi per mostrare la loro capacità di informare e ispirare persone di ogni ceto sociale sulle sfide globali che il nostro mondo moderno deve affrontare.

Domenica 11 luglio, giornata conclusiva del Festival, spazio alle premiazioni e al progetto e alla performance di Raizes Teatro con lo spettacolo Free to be presentato in anteprima nazionale: un viaggio nel mondo con le parole di attivisti assassinati, incarcerati o imbavagliati dal potere. Un atto unico dedicato a ShadyHabash, Patrick Zaki, Sarah Hegazi, Roman Bondarenko e Marielle Franco scritto e diretto da Alessandro Ienzi.

Prenota il tuo ingresso libero su eventbrite Rivedi on line i film in concorso su www.openddb.it ------------------------ Sole Luna Doc Film Festival, organizzato dall’Associazione Sole Luna Un Ponte tra le Culture ha ricevuto anche quest’anno la Medaglia del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il patrocinio del Ministero della Cultura e del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, dell’Università di Palermo, della Società Italiana di Antropologia Culturale. Il Festival è sostenuto dalla Regione Sicilia – Assessorato Turismo Sport e Spettacolo - con l’APQ “Sensi Contemporanei”; dalla Presidenza dell’Ars; da Fondazione Sicilia; da SoundRivEmotion; da Fondazione Ignazio Buttitta; da Museo Pasqualino; da CSC – Scuola internazionale di Cinema Sede Sicilia. Main Sponsor: Enel Green Power. Sponsor: Aon, Alessi, Gesap. Ufficio Stampa #SLDFF Gioia Sgarlata | sgarlagioia@gmail.com | 331.4039019 Programma completo e info prenotazioni su: www.solelunadoc.org facebook: Sole luna festival | instagram: @solelunadoc
Leggi di più...

Il programma di venerdì 9 luglio tra incontri, eventi speciali e l’anteprima nazionale del film Never look back

Alle 19,30: talk “Le uniche donne nere sul palco” con le scrittrici Marilena Delli Umuhoza e Nadeesha Uyangoda. In concorso, spazio a due produzioni spagnole. Ancora: l’omaggio a Valentina Pedicini con la proiezione di Faith e l’evento speciale in collaborazione con Siac.

La chiusura, dedicata a Lelio Giannetto è tutta musicale con la performance della Sicilian Improvisers Orchestra, i video di Curva Minore e il film Musical Notes di Keja ho Kramer

Complesso Monumentale dello Steri |5 - 11 luglio

L’anteprima nazionale di Never look back (Spagna 2020, 76’), l’omaggio alla regista Valentina  Pedicini con la proiezione del suo ultimo e prluripremiato Faith (Italia 2019, 89’) e una lunga serie di eventi speciali: dal talk sul tokenismo con le scrittrici Marilena Delli Umuhoza e Nadeesha Uyangoda ai film in collaborazione con la Società Italiana di Antropologia Culturale, alla performance dal vivo della Sicilian Improvisers Orchestra e alla proiezione di Musical Notes in memoria del musicista Lelio Giannetto. Sono gli ingredienti principali della serata di venerdì 9 allo Steri, offerta dal 16esimo Sole Luna Doc Film Festival.

Si inizia al Cortile Steri. Qui alle 19,30 la giornalista  Nadeesha Uyangoda, autrice di L’unica persona nera nella stanza (66thand2nd, 2021) e Marilena Delli Umuhoza, fotografa, video maker e autrice del libro Negretta baci razzisti (Red Star Press, 2020), entrambe componenti della giuria internazionale del Festival, incontreranno il pubblico per parlare della rappresentanza delle minoranze nel panorama cinematografico e parlare del tokenismo, quell’atteggiamento cioè che spaccia per politiche di inclusione, atti superficiali e simbolici nei confronti delle minoranze comunitarie. Un fenomeno che sembra pervadere il mondo culturale a 360 gradi.

Subito dopo, spazio ai film in concorso con due produzioni che arrivano dalla Spagna: il corto Memory of the land di Samira Badran (Palestina, Spagna 2017, 15’) e, in anteprima nazionale Never look back di Lupe Pérez Garcìa (Spagna 2020, 76’) che sarà presente a Palermo per presentare il film insieme alla direttrice dell’Istituto Cervantes di Palermo, Beatriz Hernanz Angulo. Si chiude con due fuori concorso: Ricostruzione della distruzione  di Ambra Lupini (Italia, 2020, 8’) del programma Sicilia Doc dedicato ai lavori degli allievi del Corso di documentario de Centro Sperimentale di Cinematografia – sede Sicilia; e con la proiezione di Faith, l’ultimo e pluripremiato film di Valentina Pedicini.

A partire dalle 21, il Cortile Abatelli sarà invece teatro esclusivo delle proiezioni organizzate insieme alla Società Italiana di Antropologia Culturale. La SIAC si è costituita nel 2017 e dallo scorso anno è partner del Festival. Due i film proposti quest’anno: Palimpsest of the Africa Museum di Matthias De Groof e Mona Mpembele (Belgio 2019, 69′) che racconta il rinnovamento del Museo Reale dell’Africa Centrale e il processo culturale che lo ha accompagnato; e Eine Frage der Haltung/ Beewildered companions di Felix Remter, Miriam Remter (Germania 2020, 87′), Un’immersione nelle molteplici connessioni socio-materiali tra umani e api in tempi di malattie globalizzate.

La Sala delle Verifiche ospiterà invece video, film e performance dedicate alla musica e a un musicista in particolare: l’eclettico Lelio Giannetto, musicista e “generatore di mondi”, fondatore di Curva Minore. Si inizia alle 20,30 con la Performance della Sicilian Improvisers Orchestra e si prosegue con una selezione di video realizzati da Curva minore. Chiude alle 23:00, il film Musical Notes di Keja Ho Kramer sul contrabbassista Barre Philips.

Prenota il tuo ingresso libero su eventbrite Rivedi on line i film in concorso su www.openddb.it ------------------------ Sole Luna Doc Film Festival, organizzato dall’Associazione Sole Luna Un Ponte tra le Culture ha ricevuto anche quest’anno la Medaglia del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il patrocinio del Ministero della Cultura e del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, dell’Università di Palermo, della Società Italiana di Antropologia Culturale. Il Festival è sostenuto dalla Regione Sicilia – Assessorato Turismo Sport e Spettacolo - con l’APQ “Sensi Contemporanei”; dalla Presidenza dell’Ars; da Fondazione Sicilia; da SoundRivEmotion; da Fondazione Ignazio Buttitta; da Museo Pasqualino; da CSC – Scuola internazionale di Cinema Sede Sicilia. Main Sponsor: Enel Green Power. Sponsor: Aon, Alessi, Gesap. Ufficio Stampa #SLDFF Gioia Sgarlata | sgarlagioia@gmail.com | 331.4039019 Programma completo e info prenotazioni su: www.solelunadoc.org facebook: Sole luna festival | instagram: @solelunadoc
Leggi di più...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi