I vincitori della Sezione Doc del Festival dei Diritti Umani di Milano 2018

Per la terza edizione del Festival dei Diritti Umani sono stati proposti agli spettatori 8 documentari selezionati dalla presidente di SLDFF, Lucia Gotti Venturato e dai direttori artistici Chiara Andrich e Andrea Mura, giovani e già affermati filmmakers, diplomati al Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo.

Vincitore PREMIO DELLA GIURIA

Invisible Frontier, di Nicolás Richat & Nico Muzi (Belgio, Argentina, 2016, 28′)

MOTIVAZIONE

Per la complessità della tematica ambientale, politica e sociale che include cambiamenti climatici e diritti umani, esplorata attraverso una efficace documentazione scientifica e resa cinematograficamente con un’estetica d’impatto divulgativo senza togliere spazio all’emozione.

Menzione speciale PREMIO RESET – DIRITTI UMANI

La Terre Abandonnée di Gilles Laurent (Belgio, 2016, 73′)

LA TERRE ABANDONNÉE de Gilles Laurent – Bande-Annonce ST Fr/Nl – CVB AUTEUR from CVB on Vimeo.

MOTIVAZIONE

Per come è stata descritta la trasformazione del Giappone, uno dei paesi più organizzati e sviluppati tecnologicamente, di fronte al disastro nucleare di Fukushima. Il silenzio, la sospensione e l’invisibilità trasportano lo spettatore in una dimensione apparentemente normale, che viene interrotta solo da una distesa di sacchi neri contenenti terra radioattiva che… troveranno mai collocazione?

Condividi questo post

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi